Mangiare (bene) con 15 euro: le 5 migliori trattorie economiche di Roma

Le trattorie economiche di Roma ancora esistono. Non moltissime, ma qualcuna ancora c’è, che abbia resistito al doppio letale impatto del turismo (carbonara-tourist-trap) e della foodmania gourmet (e qui ci sarebbe da fare gli spiritosi parecchio, ma evito).

Vi ricordate, quei vecchi posti dove mangiare bene spendendo poco, mangiare semplice cucina romana, ben fatta e senza tanti grilli. Uscire con amici o in famiglia, ordinare un bel primo pesante, polpette e cicoria, un quartino di vino, caffè. E spendere, che ne so, sui 15 euro. Andare in un’osteria romana, insomma. Una vecchia, cara, non estinta tipica trattoria romana a buon prezzo.

Ecco, quell’esperienza lì. Ancora si può fare, vediamo dove. Di seguito la lista delle trattorie economiche di Roma preferite da RomaTips. Le highlander. Sono cinque, con una in più nel finale che proprio non potevamo omettere.

1. Trattoria Guerra. Ti mangi quello che c’è

Cominciamo dai prezzi. Menu a prezzo fisso la sera per 15 euro. Antipasto, primo, secondo con contorno, acqua, vino e caffè fatto con la moka. Porzioni giuste, ingredienti sempre freschi, stile di cucina verace. Vi si dà molto ma in cambio vi si chiede di non fare storie. Si mangia quello che c’è: nessuna integrazione, nessun cambio, nessun parmigiano- a-parte-e-senza-peperoncino. A pranzo primo, acqua e caffè a 5 euro. Manco un panino al bar. Nel complesso, davvero una delle migliori trattorie economiche di Roma.
Via Eleonora d’Arborea, 7 (Piazza Bologna). Tel 0664465064. Chiuso la domenica.

2. Casetta Rossa. La militante

La Casetta Rossa è uno spazio sociale autogestito che si trova alla Garbatella. Dal 2001 dà vita ad iniziative politiche, sociali e culturali; gestisce un forno a legna popolare fruibile da tutta la comunità (si va lì col proprio pane e si inforna) e un gruppo d’acquisto solidale; organizza escursioni e passeggiate a piedi e in bicicletta. In tutto ciò, c’è anche uno spazio ristoro, come lo chiamano. L’ottima cucina si segnala per il ricorso a ingredienti biologici e a km0 e per la qualità delle carni; ma posto è notevole perché oltre  a mangiar bene si partecipa di una visione del mondo incoraggiante. Un primo, 7 euro. Una tagliata di carne o una bistecca di chianina al prezzo di 12 euro. Ultima cosa: da Casetta Rossa si usa il “pasto sospeso“: chi vuole contribuire (minimo 5 euro) paga il pranzo a chi non può permetterselo.

Via Giovanni Battista Magnaghi, 14 (Garbatella). Tel 0689360511 -3388936500 (Tina). Chiuso il lunedì; domenica aperto solo a pranzo. La somministrazione è riservata esclusivamente ai soci, ma la tessera è gratuita.

3. Trattoria Da Francesco. Quello di via Casilina.

Sì, questa è una vecchia osteria romana immutata da decenni, da non confondere con un omonimo ristorante del centro. In una trattoria romana tipica, la cucina è un po’ come quella di nonna: amatriciana, cacio e pepe, trippa, ossobuco. L’insegna è talmente vecchia da far invidia ai locali hipster più fighetti. L’ambiente è simpatico, e la gente – molti gli habitué – apprezza. Per un primo e un secondo si sta sui 15 euro, se si prende mezzo litro di vino in due si sale di nemmeno un paio di euro.
Via Casilina, 493 Tel 062413229
Chiuso il mercoledì; gli altri giorni è aperto a pranzo e a cena; la domenica solo a pranzo.

4. Il Quagliaro. La specializzata

Questa vecchia osteria è nata nel 1958; all’epoca le quaglie a Roma si cacciavano e qui le si cucinava. E le si serviva in una formula popolare a prezzo fisso che sopravvive ancora: la quaglia arriva con una ciriola tagliata a metà e bruschettata, 5 olive e 5 funghi. Volendo, fa pasto da sola.  Oggi costa 6 euro e cinquanta. A esagerare, la si può prendere doppia e si arriva agli 11 euro. Per restare in tema, fra gli antipasti figurano le uova di quaglia con acciughe e insalata. E poi primi romani, trippa e pizza a prezzi rari per Roma: 5 euro la margherita.
Largo Mola di Bari, 17/19. (Quarticciolo) Tel 0625210875

A pranzo è aperta solo venerdì e sabato dalle 12.30 alle 14.30; a cena sempre dal lunedì al sabato. Chiuso la domenica.

5. La Trattoriola Burro e Sugo. La moderna

Fra le trattorie economiche di Roma che abbiamo scelto è quella di più recente istituzione (sempre relativamente, esiste comunque da più di una dozzina d’anni) e la più moderna sia nel décor sia nei servizi che offre (prenotazione on-line e servizio di delivery con Moovenda, tanto per dire). L’abbiamo scelta perché propone tanti menu a prezzo fisso, anche per vegetariani. Per 13 euro si mangiano due bruschette, un primo o un secondo, il dolce, pane e acqua. Con 4 euro in più si aggiunge il secondo. Va anche parecchio il menu di pesce, che costa 21 euro.

Via Elvio Pertinace, 1 (San Paolo). Tel 0659606244.
Sempre aperto, dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.30.

E ora…come vi avevamo anticipato, una bonus track.

6. Osteria Bonelli. Miglior rapporto qualità/prezzo per il Gambero Rosso

La regina delle trattorie economiche di Roma. Premiatissima, star su Tripadvisor, gratificata dal Gambero Rosso della qualifica di migliore trattoria di Roma per rapporto qualità prezzo, recensita da tutti. On-line non faticherete a leggerne. È adorata da romani e (adesso) turisti, tanto che è impossibile mangiare se non si ha prenotato. Ah, per un prazzo completo siamo un po’ sopra i 20 euro.

Via dell’Acquedotto Alessandrino, 172 (Torpignattara). Tel 3298633077
Aperto dal lunedì al sabato, a pranzo e a cena; chiuso la domenica

Bene, noi abbiamo detto la nostra. Se voi avete una trattoria del cuore, vi prego, segnatecela e condividete!