Amanti di parchi e giardini a Roma? Viaggio nella storia (e nel verde) in 4 tappe

0

Cari amanti di parchi e giardini a Roma, questo post è per voi. Voi che alla domanda “cosa vedere a Roma” non rispondete con il nome di un museo, ma piuttosto con una lista di giardini a Roma ignoti ai più, forse sarete contenti di leggere quello che state per leggere.

Abbiamo riunito 4 luoghi diversi fra loro, ma ugualmente interessanti. Interessanti per il loro valore paesaggistico e storico, ma anche perché – tutti per ragioni diverse – sono normalmente inaccessibili; oppure lo sono stati per decenni e ora non lo sono più. Il primo (i giardini del Quirinale) è decisamente noto al pubblico, anche se in realtà l’hanno visto in pochissimi. Gli altri, un po’ meno.

Ma andiamo a vedere cosa visitare a Roma questo mese se si ha voglia di verde, di rumore dell’acqua, di spaesamenti extra-urbani.

I Giardini del Quirinale

I Giardini del Quirinale sono i primi della lista. Aperti gratuitamente a tutta la popolazione solo il 2 giugno, per la Festa della Repubblica. Altrimenti sono visitabili su prenotazione e a pagamento. Sono interessanti perché conservano i segni della loro lunga vita, cinque secoli di storia di progettazione di giardini. Per le statue, per la vista e per la Coffe House settecentesca.
Dalle 15 alle 19, ingresso gratuito. La prenotazione non è richiesta, la fila è inevitabile (e lunga).

Il Parco Villa Gregoriana a Tivoli

Il Parco Villa Gregoriana a Tivoli, inaugurato nel 1835,  è invece il giardino romantico per eccellenza: cascate e dirupi, giochi d’acqua e boschi, caverne ed rovine di epoca romana. Sembra uscita pari pari dal dipinto di un viaggiatore inglese che, di passaggio a Tivoli voleva serbare il ricordo del suo Grand Tour. Abbandonata per decenni dopo la Seconda Guerra Mondiale, Villa Gregoriana è stata concessa dallo Stato al Fai che nel 2005 l’ha riaperta, dopo importanti lavori di restauro.
In estate aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18.30. Biglietto intero: 7 euro; ridotto 4 euro (bambini da 4 ai 14 anni e studenti universitari con meno di 26 anni); gratis bambini sotto i 4 anni e tesserati FAI.

Il giardino segreto dell’Real Istituto Neerlandese a Roma

Uno dei giardini segreti di Roma (di un altro, quello dell’Istituto Giapponese di Cultura abbiamo già parlato) da scoprire, peccato sia così difficile. Ci viene in aiuto il 16 giugno la tradizione olandese dell’Open Garden Day. Il terzo giovedì del mese i giardini chiusi, privati, nascosti si svelano. E allora prenotate subito per scoprire questo piccolo giardino nascosto, progettato nel 1930 secondo i canoni del giardino all’italiana. La visita guidata e la conferenza introduttiva sono gratuite. Tutte le info le trovate sulla scheda che abbiamo dedicato a questo nascosto giardino olandese (all’italiana!).
In via Omero 10, dalle 16 in poi.

Il giardino delle Cascate all’EUR

Gioiello della progettazione paesaggistica contemporanea, il giardino delle cascate all’EUR è un unicum nel panorama dei parchi e giardini a Roma. Creato nel 1961 secondo criteri di razionalità e simmetria che ne fanno quasi un giardino all’italiana in chiave novecentesca, è stato chiuso al pubblico fin da subito, o quasi. Da pochi giorni è di nuovo visitabile, e segue la riapertura del ponte Hashi, il ponticello che passa sulla cascata principale.
Ingresso gratuito, aperto dalle 7 alle 20, Passeggiata del Giappone.

Se, finito questo tour di parchi e giardini a Roma avete ancora voglia di piante e fiori, vi ricordiamo che il Roseto comunale è aperto fino al 18 giugno.

Buona passeggiata!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here