Dove mangiare a Pasqua a Roma? Prova il brunch! (uno dei 10)

brunch di pasqua

A Roma da qualche tempo si fa il brunch domenicale. Buffet, dolce e salato, caffè, piatti di tradizione (italiana, anglosassone o un po’ dell’uno e un po’ dell’altro). Se l’abitudine vi piace, se a Pasqua non avete voglia di sedervi a tavola per ore, il brunch di Pasqua a Roma può essere una soluzione. Abbiamo cercato i migliori brunch di Roma dove spendere dai 25 euro in giù.

Da qualche parte meno, da qualche altra poco – davvero poco – di più. In ogni caso eccoli qui, i brunch di Pasqua per fare un pranzo di Pasqua alternativo e pure economico.

1 Ketumbar
Ristorante di Testaccio dove il brunch è quasi una tradizione. Il brunch di Pasqua al Ketumbar è molto bio e molto kid-friendly: oltre a un menu dedicato, per i piccoli c’è anche un baby parking assistito. I. Costo: 18 euro gli adulti, 10 euro i bambini; bevande escluse.
Dalle 12:30 alle 16 in via Via Galvani, 24. Prenotazione: 0657305338 o info@ketumbar.it.

2 Ciclostazione Frattini
La Ciclostazione Frattini si trova fra Villa Bonelli, Portuense e il Casaletto e ha una gran bella area all’aperto, veranda e giardino. Il brunch di Pasqua e Pasquetta 2019 alla Ciclostazione Frattini è pensato proprio per le famiglie, dato che per i bambini sono previsti laboratori e animazione. Il costo è di 15 euro per i bambini, incluse le attività, e di 25 euro per gli adulti. Un po’ più caro ma è un vero e proprio pranzo di Pasqua.
Dalle 10 alle 14 i laboratori; alle 12.30 il brunch. In via P. Frattini 136/138. Meglio prenotare le attività per i bambini: info@kikids.it e il pranzo: 0655290948.

3 Porto Fluviale
Pranzo di Pasqua in forma di brunch anche al Porto Fluviale, dove al menu consueto di aggiungono i piatti della tradizione pasquale. Il gigantesco locale è aperto dalle 10 fino alla sera; il brunch viene servito intorno alle 12 al costo, bevande escluse, di 25 euro per gli adulti e 15 per i bambini.
In Via del Porto Fluviale, 22. Info 06/5743199

4 Momart
Come sa chi frequenta questo locale di via XXi Aprile, il buffet del Momart è veramente una cosa esagerata. Il brunch domenicale diventa un sontuoso pranzo di Pasqua, succhi e caffè inclusi. 25 euro il costo.
Viale XXi Aprile, 19. Tel 06 8639 1656

TIP: Voglia di gita fuori porta? Guarda i suggerimenti di RomaTips per Pasqua e Pasquetta 2019!

5 REC23
Nel locale di ispirazione newyorkese (definizione loro) di piazza dell’Emporio il brunch prevede, conseguentemente, pancakes, french toast, waffles, muffins. Però, dato che siamo a Roma e a Pasqua non mancano carciofi, lasagne, torte pasqualine, mozzarella di bufala, agnello, dolci vari… Il costo è di 18 euro per gli adulti, bevande non alcoliche incluse, e di 12 euro per i bambini. Attenzione: il brunch è per il pranzo di Pasqua al REC23, NON Pasquetta.
Dalle 12.30 alle 16.00, in piazza dell’Emporio 1/2. Prenotazione allo 0687462147

6 Queen Makeda
Il brunch di Pasqua e Pasquetta al Queen Makeda è una tradizione. Il menu integra piatti italiani della tradione pasquale (arrosti, verdure grigliate, frittata di pasta, formaggi e salumi, fritti misti di tutti i tipi) con piatti internazionali.  Il menu per gli adulti costa 25 euro, mentre quello per i bambini costa 15 euro.
Dalle 12.30 alle 16, in via di San Saba, 11, solo lunedì. Prenotazione obbligatoria  allo 065759608 oppure con una mail a info@queenmakeda.it.

7 Rosti al Pigneto
Continuiamo la nostra piccola “rassegna” con il locale del Pigneto, dove – tempo permettendo – si può mangiare all’aperto, nel bel giardino (perfetto per i bambini). Brunch di Pasqua ricco, praticamente un Pranzo di Pasqua, anche qui a 25 euro gli adulti e 15 i bambini. Non Pasquetta.
Dalle 12.30 in Via Bartolomeo D’Alviano, 65.Prenotazioni allo 062752608 oppure all’indirizzo rosti@rostialpigneto.it

8 Mavi
Il Pranzo di Pasqueta diventa American Brunch al Mavi. Manco un carciofo, nemmeno una corallian ma in compenso bagel, brownies, avocado e bloody mary. Prezzo del buffet e dell’ordinazione no limits 20 euro bevande non alcoliche incluse.
Lungotevere di Pietra Papa, 201 Tel 065584801
9 692 Secret Garden
Pranzo di Pasqua, anzi brunch di Pasqua e Pasquetta al 692 Secret Garden, tra le mura degli acquedotti. C’è anche l’animazione per bambini, il menu è super tradizionale , la prnotazione obbligatoria e i prezzi più che accettabili: 20 euro gli adulti e 10 i bambini.
Dalle 12.30 Via Tuscolana, 692, prenotazione sul sito.
10 Manforte
Il ristorante pizzeria Manforte, a Talenti, se a Pasqua fa un pranzo tradizionale (peraltro non carisismo, a 30 euro) a Pasquetta propone il brunch a un prezzo pazzesco: 15 euro gli adulti e 10 i bambini. Prenotazione obbligatoria e uns acco di spazio fuori, per far giocare i bambini.
Dalle 12.20 Via Giovanni Zanardini, 39 06823871

Pasqua e Pasquetta 2019: 10 trattorie fuori porta (con 10 mete da non perdere)

Pasqua e Pasquetta vicino Roma: dove andare?
Pasqua e Pasquetta vicino Roma: dove andare?

A Pasquetta, tradizione impone la gita fuori porta. E allora, dove andare a Pasquetta vicino Roma, servono consigli? Abbiamo fatto una piccola lista di trattorie fuori porta: “di sostanza”  e non care, abbordabilissime. Vicino, ci abbiamo messo anche qualche consiglio: cose da fare e da vedere. Tanto per nutrire non solo la pancia, dai.

Cominciamo: Pasqua e Pasquetta Roma e dintorni. C’è un po’ di tutto, Nord e Sud, mare e  campagna, arte e natura. Fuori porta a Roma con bambini e senza, in coppia, in moto e trenino. Ecco le nostre idee per Pasqua 2019 (e Pasquetta).

Pasqua e Pasquetta vicino Roma, verso nord

1 Formello – Osteria pensa per te

Via Ferrucci – 00060 Formello – 06 9089372 – 3318586466
Bella location, primi fatti in casa, verdure etc di produzione propria. Perché no, per il pranzo di Pasqua? Occhio: non prendono bancomat o carte.
Da vedere in zona: Formello è uno dei più bei borghi all’interno del Parco di Veio. Non è da perdere la visita al Museo dell’Agro Veientano e alle  chiese di San Lorenzo e di San Lorenzo Arcangelo. Se volete visitare la catacombe di Monte Stallone, contattate il Museo dell’Agro Veientano qualche giorno prima. Ma Formello non vi deluderà neanche se all’arte preferite il trekking: la mappa dei sentieri del parco di Veio vi darà pane per i vostri denti.

2 Mazzano Romano – Casale sul fiume Treja

Strada Comunale Monte Gelato, 6 – 00060 Mazzano Romano – 06 9049272 – 333 9185827
C’è di tutto per far divertire i bambini: il fiume, i pratoni,  i giochi e gli animali fanno del Casale la destinazione perfetta per la gita di Pasquetta. Si paga l’ingresso, ma si può fare un pic-nic all’interno. Per chi non ha voglia di preparare nulla c’è un servizio ristoro (meglio prenotare prima).
Da vedere in zona: Le Cascate di Monte Gelato non sono la sola attrazione del Parco della Valle del Treja. Una passeggiata lungo i sentieri del parco del Treja vi sorprenderà con resti necropoli etrusche, ruderi di chiese medioevali, boschi fittissimi.

3 Comune di Roma (ma all’altezza di Campagnano) – Casale dell’Orto

Via Cassia Bis Km. 27,550 – 00123 Roma
Gita di Pasquetta vicino Roma e un po’ fuori dal tempo, per mangiare come una volta in questa trattoria che propone verdure (biologiche) dei suoi orti e prodotti genuini.
Da vedere in zona: se vi state chiedendo cosa fare a Pasqua e Pasquetta vicino Roma, l’Autodromo di Vallelunga potrebbe darvi la risposta. E una risposta diversa. Il 22 aprile (Pasquetta) sono in calendario le prove libere di auto e moto. Basta iscriversi.

4 Calcata – Il Tugurio

Via Sinibaldi 7 – 01030 Calcata
In barba al nome lugubre, questo è un ristorante bello e casareccio. Si mangia bene con un ottimo rapporto/qualità prezzo (siamo sui 30/35 euro).
Da vedere in zona: intorno al ristorante… be’… c’è il borgo, bellissimo,  di Calcata come saprete. Ma, se si cerca qualcosa di meno ovvio, vale la pena scoprire il Museo Opera Bosco. Nella natura, un percorso alla ricerca di opere d’are create a partire da materiali di recupero. Senza impatto, le opere – deperibili – si inseriscono nel ciclo della natura. Giusto giusto, riapre per Pasqua. Cosa fare a Pasqua e Pasquetta vicino Roma? Questo.

5 Montopoli di Sabina – Casale del Farfa

Strada Regionale di Passo Corese (SR 313) – 02034 Montopoli di Sabina – 0765 322 152 – 333 8675669
Immersione totale nei sapori della Sabina: abbacchio, coniglio e salumi (non me ne vogliano i vegani); carciofi e asparagi raccolti lì vicino. Prezzi sul sito.
Da vedere in zona: già che siete lì, cominciate dall’Abbazia benedettina di S. Maria di Farfa e  proseguite con la visita ai borghi di Monteleone, Casperia e Roccantica. In alternativa o in aggiunta, se siete di quelli iperattivi, all’Oasi Naturale di Tevere Farfa: uno dei siti più interessanti in Italia per il birdwatching.

6 Ascrea – Locanda Belvedere

Piazza Mareri02020 Ascrea – 348 520 3334
Meta ideale per la gita di Pasquetta nei dintorni di Roma. Ristorante familiare, in tutti i sensi, che gode di una vista spettacolare sul Lago del Turano. Grandi gli antipasti e i primi: ravioli, “sagne”, fettuccine. In alternativa, se preferite soluzioni low budget, il tempo lo permette  e avete bambini, potete fare un pic-nic sulla Riviera degli Asinelli.
Da vedere in zona: Il borgo di Castel di Tora, fra i Borghi più belli d’Italia, vale la visita così come il borgo fantasma di Antuni e l’eremo di San Salvatore (qui meglio andare accompagnati, in visita guidata). Agli escursionisti farà invece piacere esplorare la Riserva Naturale Regionale dei Monti Navegna e Cervia (mappa dei senteri sul sito).

 7 Vitorchiano – La fraschetta di Jack

Via Borgo Cavour 23,  01030 Vitorchiano – 389 238 6492
Posto piccolo, che è mescita ed enoteca oltre che ristorante. Ottimi gli antipasti (i nervetti un successone, per gli amanti del genere) e le carni, anche al tartufo. Dolci belli e buoni.
Da vedere in zona: Vitorchiano è meta di pellegrinaggio della setta dei boulderisti, arrampicatori su massi. Se non è il vostro genere, meglio dedicarvi alla visita del bel borgo (da non perdere la chiesa della SS Trinità) e restare a bocca aperta davanti alla statua Moai, gigantesca, l’unica esistente al mondo fuori dall’isola di Pasqua. L’hanno scolpita qui nel 1990 un gruppo di Maori. La pietra vulcanica di zona ben si prestava, e oggi la statua promette prosperità al borgo che la ospita. A patto di non spostarla!

TIP: Voglia di brunch di Pasqua? Guarda i sugegrimenti di RomaTips per un pranzo di Pasqua o Pasquetta alternativo

Pasqua e Pasquetta vicino Roma, verso sud

8 Veroli – Rifugio Trasoto

Via Tesoro, 03029 Veroli – 3207467381 3922312454
Sulla strada per andare a Prato di Campoli c’è questa trattoria meravigliosa, di semplicità vera, polenta pecora fettuccine e ciambelline al vino per concludere. I prezzi migliori del Lazio, secondo me.
Da vedere in zona: Veroli è un paese bello e ben conservato, di origine antica (fondato nel I millennio a.C. dagli Ernici) che vale una passeggiata. Prato di Campoli è, come dice il suo nome, un pratone a 1200 metri da cui partono sentieri sui Monti Ernici. Non fatevi impressionare dalla confusione che ci troverete a Pasqua o a Pasquetta, perché è meta di pic nic e barbecue piuttosto imponenti: basterà allontanarvi in camminata per 10 minuti per essere di nuovo soli. E se senza monumenti non potete stare, allungatevi all’Abbazia di Casamari, uno dei più importanti complessi gotici cistercensi d’Italia.

9 Fumone – Taverna del Barone

Via del Ponte, 5 – 03010 Fumone – 0775 49655
Una trattoria dentro una Rocca, e dentro la trattoria la ricostruzione fedele di un ambiente agreste. Porzioni abbondanti, pasta e fagioli memorabile, carni e – anche qui come a Veroli, siamo vicini – si chiude con le ciambelle zuccherine. Si mangia anche a menu fisso. Prenotazione consigliatissima.
Da vedere in zona: il castello di Fumone, la prigione di Celestino V e il bel ripasso di storia che viene insieme. Non sono vicinissimi, ma magari valgono il viaggio se avete voglia di cambiare un po’ genere e passare dalla storia medievale alla speleologia, la Grotta di Collepardo e il pozzo di Antullo. Quest’ultima è una voragine di origine carsica davvero grandiosa.

10 Ostia – Fraschetta La Romanella

Via delle Fiamme Gialle 63, 00122 Lido di Ostia – 06 8956 7822
Siamo a Ostia ma è come se fossimo ad Arccia, visto che la porchetta è il piatto clou. Il posto si segnala anche per la pinsa, bella condita ma dall’impasto leggero e digeribile. Nota di merito per la simpatia generale dell’ambiente, alè.
Da vedere in zona: come cosa vedere a Pasqua e Pasquetta vicino Roma? Ma dai, se siete qui, gli scavi di Ostia antica, non è che ci sia tanto da parlarne.

E voi che fate a Pasqua 2019 o a Pasquetta? Se fuori porta non ci andate e non vi va di cucinare, per consolarvi c’è sempre qualche buona trattoria economica dove mangiare a Roma bene spendendo poco.

Ciao!

Palestre a prezzi popolari? 11 indirizzi da 40 euro al mese in giù

palestre low-cost a Roma
palestre low-cost a Roma

Fare sport serve a vivere un po’ meglio, e ad essere un po’ più felici (oltre che più sani e più belli, come si dice).  Per questa ragione  abbiamo pensato di dedicare un po’ di tempo alla ricerca di palestre low-cost a Roma. Palestre economiche dove lo sport sia alla portata di tutti, adulti e bambini. Senza stressarsi per il denaro speso, annullando così tutti i recenti o potenziali benefici; o senza dover rinunciare, il che è anche peggio (forse).

I prezzi delle palestre di Roma, al netto di offerte temporanee pubblicizzate dai vari Groupon e Groupalia, è generalmente piuttosto elevato. Generalmente, ma non sempre e non ovunque. Ci aiutano, nella nostra strategia anticrisi, le palestre popolari, qualche antica e gloriosa istituzione romana, e le nuove catene di palestre low-cost internazionali di recente sbarcate a Roma. Vediamo quali.

Palestre low-cost a Roma: i grandi classici

1 Cominciamo con l’evergreen dello sport a Roma, il punto di riferimento di generazioni di studenti, ex-studenti, ex-giovani: il CUS Roma – Centro Universitario Sportivo. Un’infinità di discipline ad un costo che va, per l’abbonamento annuale, dai 98 euro riservato agli studenti della Sapienza ai 375 per gli esterni. Daje. (Ah, la R3Sport, l’omologa per gli studenti di Roma Tre propone qualcosa. Ma nulla di paragonabile)

2 Il secondo posto spetta a un’istituzione trentennale, l’Upter, Università popolare della terza età. Negli anni l’offerta dei corsi si è estesa a tutte le generazioni e a tutti gli ambiti. In ambito sportivo, propone  ai corsi di danza, pilates, ginnastica e un paio di arti marziali. Per semplificare, diciamo ch i prezz vanno dagli 8 ai 10 euro a lezione.

Palestre low-cost a Roma: le palestre popolari

Le palestre popolari hanno una grande tradizione a Roma. Alcune all’interno di centri sociali, altre del tutto indipendenti, portano avanti una politica di inclusione e partecipazione. Politica che si concretizza nell’offerta di una vasta gamma di corsi sportivi, di arti marziali, di discipline del benessere. Sempre a prezzi accessibili alla maggior parte delle famiglie del loro territorio. Molta attenzione è data alle attività rivolte ai bambini e agli adolescenti. E l’insegnamento è di buon livello. In ogni caso, tenete presente che i costi si aggirano in media intorno ai 35 euro al mese. A scendere.

3 Socrates – Sport Popolare. Quartiere Alessandrino. Viale della Bella Villa 94 all’interno del Fusolab 2.0.  Le palestra ha 4 sale dislocate su 2 piani (Sala Aerobica 35mq, Sala Corsi 50mq, Sala attrezzi 35mq, Sala Danza 127mq. Le tariffe del Socrates sono ottime e le attività proposte più di 50.

4 Università Popolare dello Sport. Palestra popolare “diffusa”, che  svolge i suoi corsi praticamente in tutta Roma, il che è la sua particolarità. I corsi sono numerosissimi, alcuni annuali alcuni a moduli trimestrale. Tuttii i corsi dell’Università Popolare dello Sport sono a prezzi sostenibili.

5 Revolution Palpop. Cinecittà. Focus sulle arti marziali e il pugilato, e qualcosa di fitness puro, stile gag e total body. Si appoggia a una piscina di Torrespaccata e per i prezzi è molto competitiva nelle attività per bambine  e bambini, danza inclusa. Qui programma e costi della Revolution Palpop.

6 Palestra popolare Colle Salario. Oltre consueto al corredo di corsi di arti marziali, danza e funzionale, questa palestra si segnala per i corsi di arrampicata sportiva, anche per bambini. La Palestra popolare Colle Salario è facilmente raggiungibile col trenino Fara Sabina-Orte (fermata Fidene), quindi può interessare anche a chi non è di zona. I corsi costano 40 euro al mese, ma se ci iscrive a 2, si pagano solo 60 euro.

7 Palestra popolare Valerio Verbano. Attiva dal 2008 al Tufello, nella sede dei locali caldaia delel case popolari, prepara anche per l’attività agonistica di ginnastica artistica. Corsi per bambini e adulti di arti marziali, boxe e kick-boxing. Non c’è sito web, solo pagina Facebook della palestra popolare Valerio Verbano.

8 Quadraro Gym. Tanta prepugilistica, boxe giovanile e boxe agonistica. La palestra nasce intorno a questo sport, ambito in cui eccelle. Ma non mancano danza aerea, total bodye altre discipline. Anche in questo caso, non c’è sito web, solo pagina pagina Facebook della Quadraro Gym.

9 Palestra popolare San Lorenzo. Chiudiamo con un mostro sacro. La Palestra popolare di  San Lorenzo offre corsi aperti a tutti, grandi e piccini, di capoeira, arti marziali, yoga e pilates. Gli adulti pagano 40 euro, i bambini 25.

Palestre low-cost a Roma: le nuovissime

Qui siamo in un ambito completamente diverso: palestre moderne, iper-standardizzate, orientate al fitness e ai grandi numeri. Sono una quasi novità in Italia. A Roma senz’altro.

10 Mcfit. Ostiense Catena di palestre low-cost che si definisce la numero 1 in Europa. Chissà. A Roma Mcfit ha aperto, guarda caso vicino a Roma 3. Certo, il costo mensile è praticamente imbattibile: 23.90 euro. Però funziona che si deve sottoscrivere un contratto annuale e ogni mese si paga con addebito automatico sul conto corrente. Il che è un po’ un impegno. Dopodiché, rinnovo automatico di sei mesi in sei mesi.

11 Hellofit. Competitor diretto della precedente, cons edi in tutta Italia. I prezzi di Hellofit funzionano così: c’è un canone base di  19.90  (oer la sala fitness) a cui si aggiungono altri costi se vuoi altri pacchetti (p. es. l’accesso ai corsi di gruppo + 11.90 euro a mese). Palestre a Talenti e Fiumicino.

Finito. Grazie per l’attenzione. Se vi va condividete. E, se conoscete qualche palestra che noi non citiamo, segnalatecela nei commenti. Grazie!

Aprile 2019: tutti gli eventi gratuiti di Roma

gratis a Roma aprile 2019
eventi gratuiti Roma aprile 2019

Cosa fare gratis a Roma questo Aprile 2019? Di seguito la risposta anzi 30 risposte diverse. 30 eventi gratuiti a Roma da non perdere Cinema grats in abbondanza, ma anche sessioni di Qi Gong e yoga gratis,  masterclass e conferenze, aperture gratuite di giardini. Il meglio di Roma, gratis. Abbiamo diviso gli eventi gratuiti in programma a Roma questo mese di Aprile 2019 per tipologia: ecco la legenda per orientarti nel Calendario Roma Gratis di TomaTips:

Arte & Mostre Cinema Concerti Conferenze & Corsi Danza Fotografia Giardini storici Musei & Siti archeologici Sport & Benessere Teatro E se vuoi completare la serata a tavola, e mangiare bene spendendo poco, dai un’occhiata alla lista delle trattorie romane economiche di RomaTips!

Calendario Roma Gratis Aprile 2019

Lunedì 1

Ai vostri Post | On your marks ! Ichnitsuite Mostra di fotografia sportiva

Secondo orari dell’Istituto Istituto Giapponese di Cultura
Martedì 2 La genesi del Grande Cretto di Gibellina di Burri al Museo Bilotti Secondo orari del Museo Museo Carlo Bilotti
Mercoledì 3 Proiezione di Lisbon Story di Wim Wenders H 17:00 Casa del Cinema
Giovedì 4 Proiezione di Che vuoi che sia di Edoardo Leo e incontro con l’autore H 20:00 Palazzo delle Esposizioni
Venerdì 5

Anteprima L’Homme fidèle, di e con Luis Garrel; con Letitia Casta e Lily Rose Depp, VO con sottotitoli

Io sono tempesta di  D. Lucchetto con Marco Gialini ed Elio Germano

 H 20:00 Palazzo delle Esposizioni
Sabato 6 Assistere live  alla creazione  di 4 artisti romani: Givani Pierfranceschi Scolamiero Zelli Secondo orari del Museo Macro Asilo
Domenica 7 L’arte etrusca a Villa Giulia Secondo orari del Museo Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
Lunedì 8 Masterclass con il regista Jacques Audiard (Il proeta, Tutti i battiti del mio cuore, I fratelli Sisters) H 18:15 Cinema Nuovo Sacher
Martedì 9 Proiezione de La voce della Luna di Federico Fellini H 17:00 Biblioteca Nelson Mandela
Mercoledì 10 I capolavori di Caravaggio, Bernini e Raffaello alla Galleria Borghese Turni delle H 13 -15 – 17 Galleria Borghese
Giovedì 11 Lezione di Qi Gong / Taiji Quan con Giacomo Calabrese H 10:00 Macro Asilo
Venerdì 12 Lezione di Qi Gong / Taiji Quan con Giacomo Calabrese H 10:00 Macro Asilo
Sabato 13 Intorno alla roulotte di aggregazione mobile Little Fun place, eventi tutta la giornata: djset incontri performance. Porta il tuo cibo per il pic-nic. In collaborazione con MAXXI) Tutto il giorno Via Locorotondo
Domenica 14 Visita guidata dei giardini di Villa Medici Dalle 9 alle 19 Villa Medici
Lunedì 15 Il San Girolamo di Leonardo: expo speciale Secondo orari del Museo Braccio di Carlo Magno in Piazza San Pietro
Martedì 16 Cantiere infinito Performance 9 musicisti e 10 danzatori interagiscono H 15:00 Macro Asilo
Mercoledì 17 Conferenza Rendere visibile l’azione degli elementi: Leonardo e il paesaggio H 18:00 Villa Medici
Giovedì 18 Una passeggiata dentro le Mura Aureliane Secondo orari del Museo Museo delle Mura
Venerdì 19 Visita al Museo delle Civiltà (gratis tutti i venerdì pomeriggio) Dopo le H 16.30 Museo delle Civiltà
Sabato 20 Kiribati, mostra personale di Antonio Fiorentino 16:00-20:00 Pastificio Cerere
Domenica 21 Uno a caso fra: Palazzo Massimo, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps) Secondo orari dei Musei Museo Nazionale Romano
Lunedì 22 Concerto per la Terra, all’interno dell’ Earth Day (tra gli altri Carmen Consoli  e Marina Rei) H 19:00 Terrazza del Pincio
Martedì 23 Otaga Yoga con Emanuela Teotino H 10:00 Macro Asilo
Mercoledì 24 Le rose del Roseto Comunale Dalle 9 alle 12 Roseto Comunale
Giovedì 25 Scoprire la collezione ottocentesca della Galleria Nazionale nella mostra “Ragione e sentimento” Secondo orari del Museo Galleria Nazionale
Venerdì  26 Luisa Sobral in concerto H 21:00 Officine Pasolini
Sabato 27 Visita alla Villa di Massenzio Secondo orari del Sito Villa di Massenzio
Domenica 28 Proiezione di  cortometraggi musicati dagli allievi di Santa Cecilia H 12 Conservatorio Santa Cecilia
Lunedì 29 Mostra fotografica  Roma. Racconto di 100 donne 9.30-19.30 Musei Capitolini
Martedì 30 Proiezione di Per un pugnodi dollari di Sergio Leone H 21:00 Palazzo delle Esposizioni

Dove studiare (o lavorare) a Roma: 15 posti con wi-fi gratis e non solo

wi fi gratis
wi fi gratis

Nessuna voglia di stare in casa ma necessità di studiare, leggere o lavorare. Dove andare? Non basta un bel posto tranquillo, serve anche il wi-fi gratis. Ovviamente.

Se anche a voi, come a me,  è capitato di chiedervi: “dove studiare a Roma?” siete nel posto giusto. Abbiamo fatto una lista dei nostri luoghi per studiare leggere o lavorare. Anche di domenica. Bar e locali, parco o biblioteca non importa; ognuno ha le sue preferenze. Basta che ci siano accesso a Internet gratis e piacevolezza di ambiente  (il wi-fi gratis non è tutto: non basta un hotspot per essere felici).

Librerie caffè, locali e bar con wi-fi gratis a Roma

1 Ex.Circus. Free w-ifi, giornali internazionali, ambiente divertito e divertente, un sacco di divani. Aperto dalle 8 alle 22 tutti i giorni; puon posto per studiare la domenica (dalle 9 alle 20). Via della Vetrina, 15, fra piazza Navona e via dei Coronari.

2 Caffè Letterario. Impossibile non citarlo e non solo per il wi-fi gratuito. Il caffè letterario  è libreria e anche biblioteca, negozio di design, caffè e ristorante, spazio per eventi e coworking. Via Ostiense, 83. Chiuso il lunedì, nel week-end apre solo il pomeriggio, in settimana è aperto dalle 10.

3 La Feltrinelli di Piazza Argentina. Sul soppalco c’è una piccola caffetteria. I tavolini sono pochi ma con meno di 2 euro (il costo di un caffè) si sta in santa pace tutta la mattina con vista sulla piazza. Ogni tanto la connessione internet cade, ma torna subito. Piazza Argentina 5/A. Aperta dalle 9 alle 21 tutti i giorni. No, la domenica apre alle 10!

4 Lo yeti  Storica libreria caffè al Pigneto dove studiare e lavorare con wi-fi gratis è di particolare piacevolezza perché l’atmosfera è speciale, vera, non fattapposta. Aperto da martì a domenica dalle 12 alle 24.

Giufà. Piccola libreria e sala da the, curata anche nell’offerta bere&mangiare, molto bio e km 0  e molto attiva con eventi e presentazioni. Aperti dalle 10 fino a tarda sera tutti i giorni; la domenica aprono alle 15.

posti con wi-fi gratis a Roma giufà
Foto dalla pagina FB di Giufà

6 Anticafè. Qui si paga il tempo, non ciò che si consuma. In altre parole: se ti fermi un’ora paghi 4 euro. L’ora successiva 3. Molte le formule di abbonamento e pacchetti di “ingressi”. Se il tempo si paga tutto il resto è gratis: dolci e bevande fredde e calde, giochi, utilizzo della stampante e del wi-fi. Non è il posto più economico di Roma, ma per lavorare – in coworking – è fantastico. Via  Veio 4/b, san Giovanni. Aperto dalle 9 alle 22 in settimana. Il sabato e la domenica apre alle 10.

Tomo Libreria Caffè In via degli Etruschi, 4. Libreria vivace con piccola caffetteria e free wi-fi (ance sala co-working alpiano di sotto). Tutti i giorni dalle 9 alle 22. Domenica dalle 15.

8 Lab 116 Un’altra libreria caffè di San Lorenzo, molto attiva nella proposta di eventi, concerti presentazioni di libri. Un bar per lavorare con wi-fi gratis, ma anche un posto dove scoprire cose nuove. Aperto dalle 8 alle 23, non domenica.

Musei e biblioteche per studiare e lavorare a Roma

Gli indirizzi che seguono sono tutti gratuiti. Non solo wi-fi gratis, quindi. Neanche alcun costo di ingresso o di consumazione.

9 Il Macro è Museo di arte contemporanea che ha subito alterne vicende. Attualmente il progetto Macro Asilo lo fa rivivere come spazio aperto gratuitamente alla città e alla creazione artistica. La bella bella bella caffetteria del Macro è un posto incantevole per studiare o lavorare a Roma.wi fi gratis macro

10 MAXXI – Museo delle arti del XX secolo. Qui il free wi-fi funziona perfettamente e l’agilità di accesso è da sogno (per capirsi, non c’è bisogno di lunghe procedure di registrazione). Le sedie nel giardino e i cuscinoni all’interno, sotto la scala,  completano il quadro di perfezione. Ma se si vuole stare a tavolino c’è anche la caffetteria. Aperto dal martedì alla domenica dalle 11 in poi. In via Guido Reni 4/A.

11 Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea. In via Caetani, 32 dentro Palazzo Mattei di Giove, che da solo vale una visita. Anche in questo caso il wi-fi gratis è assicurato dalla rete della Provincia. Ma se si possiede la tessera Bibliocard l’accesso internet è ugualmente gratuito e la connessione è migliore. Biblioteca frequentata da studenti di tutte le facoltà e università, è molto bella. Aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30. sabato chiude alle 15.30

12 Villino Corsini. Una biblioteca all’interno di Villa Pamphili, splendida. Di recente ha inaugurato una Sala Ragazzi molto fornita di libri e giochi per bambini. Per quanto riguarda l’accesso a internet vale quanto detto sopra. Aperta dalle 10 alle 18, chiusa il lunedì. Si accede da Largo 3 giugno 1849, angolo via di San Pancrazio (ingresso Arco dei Quattro Venti).

Dove studiare all’aperto a Roma con wi fi gratis

13 Villa Ada Savoia. Fra i vari parchi di Roma dove arriva un hotspot della Provincia abbiamo scelto questo. Per legame personale, se non altro. Ma chi la conosce condividerà. Come dicevamo, ci si connette a un access point di Roma Città Metropolitana (l’ex Provincia, per capirsi).

14 Terrazza Termini. Non propriamente all’aperto, ma è un po’ come se lo fosse: spazio sopraelevato affacciato sui binari, tutta una parete di vetro per guardare i treni partire e arrivare.Ci sono molti bar e ristoranti, ma non è obbligatorio consumare. Si può anche sedere a uno dei tavolini e stare per conto proprio. L’accesso rete è assicurato dal servizio Free WiFi RomaTermini; se scaricate la app non avete vincoli di tempo.

dove studiare a roma terrazza termini

15 Auditorium Parco della Musica Quei bei gradoni nella cavea all’aperto, ma anche il bar con i tavolini fuori. Nella bella stagione l’Auditorium può diventare il posto ideale dove studiare e lavorare con wi-fi gratis (quello di un hotspot di DigitRoma).

Come sapete, ci fa piacere imparare cose nuove, quindi se avete un vostro posto preferito per studiare o lavorare con wifi gratuito non esitate a segnalarlo nei commenti.

Ciao!

 

Mercatini di Roma: i fantastici 4 del sabato

mercatini a roma sabato

I mercatini del sabato a Roma che devi conoscere se hai il gusto della caccia. Se ti esalti a scovare il pezzo giusto e a pagarlo il giusto (o anche meno). Se comprare a Via del Corso ti agghiaccia. Se ti piace lo shopping ma anche farti un giro. Ecco, se sei una o uno così, vai in giro per mercati sabato a Roma, corri.

Ormai non è neppure più un fatto di risparmio (per quanto…). È proprio che andare in giro per mercati delle pulci o vintage, per mercati dell’artigianato a Roma è più divertente. Un po’ perché ci si sente meno polli in batteria che all’uscita della Metro Spagna, un po’ perché scovare il “pezzo” fa correre un brivido lungo la schiena.

Il sabato poi è il giorno ideale. L’offerta di mercatini a Roma è tutto sommato di buona qualità. Diciamo che, come accade in altre città europee, anche a Roma il mercatino vintage ha smesso di essere una “zozzeria” per definirsi come proposta ricreativa oltre che commerciale.

Qundi, meno prezzi stracciati – che però ancora si trovano, eh – e più gusto e stile. Noi abbiamo selezionato i 5 mercati del sabato a Roma che ci piacciono di più. Per diverse ragioni, come scoprirai se continui a leggere. Ah, quella che segue NON è una classifica.

Mercato Monti: hipster

mercatini di roma sabato mercato monti
mercato monti

Mercato dell’artiganato creativo e indipendente, mercato vintage, mercato coperto per quando fuori piove. Il Mercato Monti è tutto questo ed è anche cool, hipster e fighetto come il quartiere che lo ospita. I prezzi non sono stracciati, nemmeno per sogno. Ma è tipico posto dove comprare qualcosa che “si trova solo qui” al prezzo di una media catena di abbigliamento internazionale. Anche accessori, anche home decor, anche libri.

  • Aperto il sabato e la domenica, dalle 10 alle 20, da settembre a giugno
  • Via Leonina 46, dentro il Grand Hotel Palatino
  • Ci si arriva con la Metro B fermata Cavour o con i bus 117, 75, 70, 64, 60, 40

Mercatino di Conca d’Oro: trasversale

dal sito: www.mercatinoconcadoro.com

Il Mercatino di Conca d’Oro è una meraviglia perché è al tempo stesso mercato alimentare, mercato delle pulci come una volta, mercato vintage, mercatino di antiquariato e mercato di abbigliamento nuovo. Ah, c’è pure una ciclofficina popolare. Forse il più completo dei mercati del sabato a Roma. Ci si trova di tutto, a prezzi fantastici. Menzione d’onore per i banchi alimentari, i cui gestori arrivano tutte le settimane da varie regioni d’Italia. Lì i prezzi sono meno stracciati, ma vista la qualità non c’è da stupirsi.

  • Aperto il sabato e la domenica dalle 9 alle 20
  • Via di Conca d’Oro, 143
  • Ci si arriva con la Metro B fermata Conca d’Oro e con i bus 38, 63, 8, 80_Bis, 83, 84, 86, 88, 93, 311, 336, 338, 339, 343, 344, 349, 351

Mercatino Corte Coppedè: il top di gamma

dal sito: mercatinocortecoppede.it

Probabilmente, a vedersi annoverati fra i mercatini di Roma gli espositori del Mercato Corte Coppedè storcerebbero il naso. Anzi, alzerebbero il sopracciglio. Loro sono i Mercanti da Forte dei Marmi, nome che evoca vacanze borghesi di un’epoca lontana. Vabbè, questo per dirvi che in questo mercato di artigianato di qualità non risparmiate di certo ma trovate roba bella (voilà, il vero linguaggio del mercato!). Cachemire e seta, bigiotteria vintage e artistica, biancheria per la casa, abbigliamento per bambini. Insomma, non un mercato delle pulci a Roma, ma un bel negozio di Forte a Marmi. Tradizionale, sobrio, made in Italy.

  • Aperto il sabato e la domenica dalle 10 alle 19.30
  • In via Tagliamento, 6 nel cortile della chiesa si S. Maria Addolorata
  • Ci si arriva con i bus 38, 66, 89, 92 e con i tram 3 e 19

Mercato di via Sannio: storico

Via Sannio e Porta Portese sono la storia dei mercati delle pulci a Roma. Uno settimanale chiuso la domenica e l’altro aperto invece solo di domenica si sono per decenni divisi il mercato dell’usato quando ancora non si chiamava vintage. Oggi, che Porta POrtese è un po’ appannata e ha virato sul trash, il mercato vicino a San Giovanni conserva invece la sua personalità. Non è solo un mercato delle pulci, poiché ci si trova di tutto, dall’abbigliamento nuovo all’usato più usato. Addentrarsi nel suo ventre conviene, soprattutto se stai cercando jeans, scarpe di campionario o sei un costumista alla ricerca del pezzo giusto.

  • Aperto dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 14
  • Via Sannio
  • Ci si arriva con la Metro A o C fermata San Giovanni e i bus: 51, 81, 87, 360, 650

Ancora voglia di shopping divertente: fatti un giro per negozi vintage a Monti!

Musei gratis a Roma: le novità di #Iovadoalmuseo

settimana dei musei 2019 roma

#Iovadoalmuseo. Finalmente un #hashtag che serve a qualcosa. Eh sì, perché dietro al cancelletto si aproo 20 giorni di musei gratis all’anno. 

Il 9 gennaio 2019 il Ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli  ha firmato un decreto che istituisce parecchie novità per chi ama andare per musei. Novità che di fatto migliorano l’offerta di musei gratis rispetto alla gestione precedente. I giorni di apertura gratuita dei musei statali infatti aumentano di numero. Ma cambia il sistema.

Io vado al museo, cioè?

Cioè 20 giornate ad ingresso gratuiti nei musei e nei siti archeologici statali ogni anno. I 20 giorni a biglietto gratuito sono organizzati all’interno di iniziative differenti tutte racchiuse sotto il nome ombrello di Io vado al museo.
Per comunicare l’iniziativa, è stato creato l’hashtag #iovadoalmuseo. Inoltre il Mibac ha inaugurato il sito Io vado al museo, che ha anche l’obiettivo di dare informazioni sulle disponibilità degli ingressi, come vedremo dopo. Sito solo in italiano però. Bah…

Le 20 giornate di musei gratis

#IOvadoalmuseo prevede 20 giornate ad ingresso gratuito in tutti i monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali così distribuite

  • 6 giorni durante la Settimana dei musei 2019 Roma, dal 6 al 10 marzo;
  • tutte le domeniche da marzo a ottobre;
  • 8 giorni scelti autonomamente dai singoli musei.

Settimana dei Musei 2019 Roma: come funziona

Il decreto istituisce la Settimana dei Musei: per 6 giorni consecutivi all’anno, dal martedì alla domenica saranno gratis tutti i musei statali italiani. La definizione della settimana varia tutti gli anni: quest’anno saranno gratis i musei a Roma e in tutta Italia dal 6 al 10 marzo.

TIP: Non sprecare l’occasione e non pianificare in questi giorni la visita ai musei sempre ad ingresso gratuito: quelli li puoi visitare quando ti pare. Scopri quali sono i 20 musei di Roma gratis tutto l’anno!

Domeniche al Museo 2019

A Roma, così come in tutta italia saranno gratis tutti i musei e i siti statali (la lista la trovi come abbiamo detto prima) la prima domenica dei mesi da ottobre a marzo . Insomma, altre 6 giorni a ingresso libero:

  • 3 marzo
  • 6 ottobre
  • 3 novembre
  • 1 dicembre
  • 5 gennaio 2020
  • 2 febbraio 2020

In questi giorni saranno gratuiti anche i musei comunali (Musei in comune) non solo i musei statali. La lista è questa:

Le 8 giornate ad ingresso gratuito, museo per museo

L’iniziativa #iovadoalmuseo, oltre alle 6 gratuità della Settimana dei musei 2019 Roma prevede anche 8 giorni “ticket free” durante l’anno solare, che ogni museo ha il diritto di stabilire secondo le necessità del proprio territorio.

Il decreto Bonisoli lascia al museo non solo la libertà di scegliere il giorno, ma anche quella di sostituire l’intera giornata con delle fasce orarie. Eccole qui, museo per museo le giornate di musei gratis a Roma per il 2019:

musei gratis roma iovadoalmuseo

Colosseo (Anfiteatro Flavio, Foro romano, Palatino e Domus aurea) ingresso gratuito il 5 giugno, 29 giugno, 23 settembre, 4 ottobre, 4 e il 22 novembre 18 dicembre, 9 maggio.

Museo Nazionale Romano (Palazzo Massimo, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps) gratis il 21 marzo, 21 aprile, 9 maggio, 2 e 29 giugno, 4 agosto, 1 settembre, 13 ottobre.

Museo Etrusco di Villa Giulia: ingresso gratuito il 7 aprile, 5 maggio, 2 giugno, 7 luglio, 4 agosto, 15 agosto, 1 settembre, 29 settembre.

Museo delle Civiltà: gratis tutti i venerdì dall’11 marzo al 31 dicembre dopo le 16.30.

Galleria Borghese: gratis 21 aprile, 25 aprile, 1 maggio, oltre al secondo mercoledì del mese nei turni delle 13, delle 15 e delle 17.

Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea: ingresso libero il 21 aprile, 25 aprile, 15 maggio, 2 giugno, 29 giugno, 15 agosto,1 novembre e 8 dicembre.

Parco archeologico dell’Appia Antica: 14 marzo, il 12 maggio,21 giugno, 29 giugno, 14 e il 15 settembre, 14 ottobre, 27 ottobre

Villa Adriana e Villa d’Este: ingresso gratuito 6 maggio, 3 giugno, 1 luglio, 5 agosto, 2 settembre, 7 ottobre, 4 novembre, 2 dicembre.

Musei gratis per i giovani a Roma

E per finire, c’è anche chi non deve aspettare la Settimana dei Musei per entrare gratuitamente nei musei statali romani. E sì,perché se hai meno di 18 entri gratuitamente sempre. Invece chi ha dai 18 ai 25 anni paga solo 2 euro tutto l’anno.

Mica male, eh?

Mangiare (bene) con 15 euro: le migliori trattorie economiche di Roma

Trattorie economiche di Roma
Trattorie economiche di Roma

Le trattorie economiche di Roma ancora esistono. Non moltissime, ma qualcuna ancora c’è, che abbia resistito al doppio letale impatto del turismo (carbonara-tourist-trap) e della foodmania gourmet (e qui ci sarebbe da fare gli spiritosi parecchio, ma evito).

Vi ricordate, quei vecchi posti dove mangiare a Roma spendendo poco, mangiare semplice cucina romana, ben fatta e senza tanti grilli. Uscire con amici o in famiglia, ordinare un bel primo pesante, polpette e cicoria, un quartino di vino, caffè. E spendere, che ne so, sui 15 euro. Andare in un’osteria romana, insomma. Una vecchia, cara, non estinta tipica trattoria romana a buon prezzo.

TIP: Un altro modo di mangiare bene spendendo poco a Roma?Le Osterie popolari!

Ecco, quell’esperienza lì. Ancora si può fare, vediamo dove. Di seguito la lista delle trattorie economiche di Roma preferite da RomaTips. Le highlander. Sono otto, ma la nostra lista è sempre in progress (e siamo aperti ai vostri suggerimenti).

TIP: Vai n fondo per scoprire la NEW ENTRY!

1. Trattoria Guerra. Ti mangi quello che c’è

Cominciamo dai prezzi. Menu a prezzo fisso la sera per 15 euro. Antipasto, primo, secondo con contorno, acqua, vino e caffè fatto con la moka. Porzioni giuste, ingredienti sempre freschi, stile di cucina verace. Vi si dà molto ma in cambio vi si chiede di non fare storie. Si mangia quello che c’è: nessuna integrazione, nessun cambio, nessun parmigiano- a-parte-e-senza-peperoncino. A pranzo primo, acqua e caffè a 5 euro. Manco un panino al bar. Nel complesso, davvero una delle migliori trattorie economiche di Roma.
Via Eleonora d’Arborea, 7 (Piazza Bologna). Tel 0664465064. Chiuso la domenica.

2. Casetta Rossa. La militante

La Casetta Rossa è uno spazio sociale autogestito che si trova alla Garbatella. Dal 2001 dà vita ad iniziative politiche, sociali e culturali; gestisce un forno a legna popolare fruibile da tutta la comunità (si va lì col proprio pane e si inforna) e un gruppo d’acquisto solidale; organizza escursioni e passeggiate a piedi e in bicicletta. In tutto ciò, c’è anche uno spazio ristoro, come lo chiamano. L’ottima cucina si segnala per il ricorso a ingredienti biologici e a km0 e per la qualità delle carni; ma posto è notevole perché oltre  a mangiar bene si partecipa di una visione del mondo incoraggiante. Un primo, 7 euro. Una tagliata di carne o una bistecca di chianina al prezzo di 12 euro. Ultima cosa: da Casetta Rossa si usa il “pasto sospeso“: chi vuole contribuire (minimo 5 euro) paga il pranzo a chi non può permetterselo.

Via Giovanni Battista Magnaghi, 14 (Garbatella). Tel 0689360511 -3388936500 (Tina). Chiuso il lunedì; domenica aperto solo a pranzo. La somministrazione è riservata esclusivamente ai soci, ma la tessera è gratuita.

3. Trattoria Da Francesco. Quello di via Casilina.

Sì, questa è una vecchia osteria romana immutata da decenni, da non confondere con un omonimo ristorante del centro. In una trattoria romana tipica, la cucina è un po’ come quella di nonna: amatriciana, cacio e pepe, trippa, ossobuco. L’insegna è talmente vecchia da far invidia ai locali hipster più fighetti. L’ambiente è simpatico, e la gente – molti gli habitué – apprezza. Per un primo e un secondo si sta sui 15 euro, se si prende mezzo litro di vino in due si sale di nemmeno un paio di euro.
Via Casilina, 493 Tel 062413229
Chiuso il mercoledì; gli altri giorni è aperto a pranzo e a cena; la domenica solo a pranzo.

4. Il Quagliaro. La specializzata

Questa vecchia osteria è nata nel 1958; all’epoca le quaglie a Roma si cacciavano e qui le si cucinava. E le si serviva in una formula popolare a prezzo fisso che sopravvive ancora: la quaglia arriva con una ciriola tagliata a metà e bruschettata, 5 olive e 5 funghi. Volendo, fa pasto da sola.  Oggi costa 6 euro e cinquanta. A esagerare, la si può prendere doppia e si arriva agli 11 euro. Per restare in tema, fra gli antipasti figurano le uova di quaglia con acciughe e insalata. E poi primi romani, trippa e pizza a prezzi rari per Roma: 5 euro la margherita.
Largo Mola di Bari, 17/19. (Quarticciolo) Tel 0625210875

A pranzo è aperta solo venerdì e sabato dalle 12.30 alle 14.30; a cena sempre dal lunedì al sabato. Chiuso la domenica.

5. La Trattoriola Burro e Sugo. La moderna

Fra le trattorie economiche di Roma che abbiamo scelto è quella di più recente istituzione (sempre relativamente, esiste comunque da più di una dozzina d’anni) e la più moderna sia nel décor sia nei servizi che offre (prenotazione on-line e servizio di delivery con Moovenda, tanto per dire). L’abbiamo scelta perché propone tanti menu a prezzo fisso, anche per vegetariani. Per 13 euro si mangiano due bruschette, un primo o un secondo, il dolce, pane e acqua. Con 4 euro in più si aggiunge il secondo. Va anche parecchio il menu di pesce, che costa 21 euro.

Via Elvio Pertinace, 1 (San Paolo). Tel 0659606244.
Sempre aperto, dalle 12.30 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 22.30.

6. Osteria Bonelli. Miglior rapporto qualità/prezzo per il Gambero Rosso

La regina delle trattorie economiche di Roma. Premiatissima, star su Tripadvisor, gratificata dal Gambero Rosso della qualifica di migliore trattoria di Roma per rapporto qualità prezzo, recensita da tutti. On-line non faticherete a leggerne. È adorata da romani e (adesso) turisti, tanto che è impossibile mangiare se non si ha prenotato. Ah, per un pranzo completo siamo un po’ sopra i 20 euro.

Via dell’Acquedotto Alessandrino, 172 (Torpignattara). Tel 3298633077
Aperto dal lunedì al sabato, a pranzo e a cena; chiuso la domenica

7. Hostaria da Corrado. A Trastevere c’è chi resiste

Finanche nel regno della schifezzuola turistica, del finto colore locale, della ‘mbriacatura estiva qualcuno fa la sua personale resistenza. Sono quelli dell’Hostaria da Corrado. Il nome non  è una furbacchiata. Se entrate vi rendete conto di trovarvi nella vera osteria romana di una volta. Economica, per di più. Senza fronzoli, pure al limite del tristanzuolo ad essere onesti. Ma come si mangia: semplice, onesto, buonissimo, abbondante. Indispensabile prenotare.

Via della Pelliccia, 39 (Trastevere). Tel 065806004
Aperto dal lunedì al sabato, dalle 12.20 alle 15 e dalle 20 alle 23. Chiuso al domenica.

8. Il Girasole. Carbonara al top

La carbonara. Se vupi assaggiare quella che è considerata essere una della migliori carbonare di Roma, vai in zona Garbatella. Qui, la carbonara divide il menu dei primi con gricia, cacio e pepe e amatriciana, certo, e quello dei secondi con il calssico delle trattorie tipiche romane a buon prezzo: salsiccia  e patate, scamorza e scaloppine. Mangi con 15 euro, e non solo un piatto. Ma prenota, ché è meglio.

Via Rosa Raimondi Garibaldi 26/28  (Garbatella). Tel  065110408
Aperto dal lunedì al sabato tutti i giorni a pranzo, solo il sabato anche di sera.

Bene, noi abbiamo detto la nostra. Se voi avete una trattoria del cuore, vi prego, segnatecela e condividete!

Usato per bambini a Roma: 11 indirizzi low cost per riempire il guardaroba

negozi di usato per bambini a Roma
Negozi di usato per bambini a Roma

Scopri dove comprare abbigliamento, scarpe, giocattoli e tutto quello che serve al tuo bambino. Su RomaTips la lista top dell’usato per bambini a Roma. Infatti, che senso ha spendere una fortuna per comprare vestiti che i bambini metteranno un mese o due? Nessuno.

Avete davanti due strade. La prima: comprate un po’ quello che capita, magari chiudendo un occhio su qualità e materiali. La seconda (detta anche del salvare capra e cavoli): comprate nei negozi dell’usato per bambini. A Roma ce ne sono parecchi.

Comprare abbigliamento di seconda mano per bambini a Roma è facile, conveniente, e pure sensato. Facile, perché ci seno negozi un po’ in tutte le zone. Conveniente, perché si spende la metà ma lo stesso di livello di qualità. Sensato perché i bambini non fanno in tempo neanche a rovinarli i vestiti, quindi meglio vendere-comprare-riciclare che spendere-buttare-inquinare. Che dite?

TIP: Un altro modo per comprare beneAndar per mercatini il sabato a Roma!

Negli indirizzi qui sotto troverete un po’ di tutto. Per la maggior parte, troverai dei veri e propri negozi per l’infanzia: quindi puoi comprare (e vendere) non solo vestiti ma anche giocattoli, passeggini, altri accessori. Il conto vendita la fa da padrone. Quindi, come accennavamo prima, questo post vi può servire anche se avete intenzione di vendere, oltre che comprare.

I N°1: i negozi dove i soldi non servono

La Bottega dei piccoli è un negozio dove i soldi non servono. Anzi, non esistono se non all’inizio, quando ci si associa (servono 15 euro all’anno). Con l’associazione si acquisisce il diritto di portare e di prendere vestiti  accessori, libri, giocattoli, attrezzatura per bambini. Ogni volta che si dona qualcosa, sulla tessera vengono caricati dei crediti. Che si consumano quando si sceglie di portare via qualcosa. Tutto quello che eccede, o per cui non c’è spazio, si dona alle case famiglia. Non si spreca, si ricicla; non si consuma, si usa quello che serve.
Zona: Nuovo Salario – Via Montaione, 44. Info e orari della Bottega dei Piccoli.

Dindolò è una associazione di mamme per promuovere la cultura del riciclo ed evitare sprechi inutili. Anche qui il soldi non servono, quasi: per ogni kg di vestiario portato ricevi 6 crediti per “acquistare” vestiti per la prima infanzia e premaman, attrezzatura e giochi. Ci sono poi vari cestoni ad offerta libera, per capi di vestiario e per i libri. Associarsi costa 5 euro.
Zona: Appio Latino – Via di Vigna Fabbri, 25. Tutte le info sulla pagina Facebook di Dindolò.

Di manina in manina segue le stesse logiche: cultura del riciclo, occhio alla qualità e al buono stato dei capi,  sostituzione del denaro con “punti manina” che si ottengono quando i capi lasciati in conto vendita trovano un nuovo “padroncino” e che si possono spendere in negozio. Punto di forza? La varietà merceologica: ci si trova di tutto.
Zona: Infernetto – Via Giambattista Bassani, 29. Tutte le info su Di manina in manina.

I mercatini dell’usato (e della compravendita) per bambini

Due negozi per l’infanzia dove comprare e vendere vestiti per bambini, libri, giocattoli, attrezzatura e accessori. Il meccanismo del conto vendita è il solito, possono variare un po’ le regole di valutazione e le percentuali di retribuzione dei venditori. Ma in tutti i casi davvero in questi negozi dell’usato per bambini si trova di tutto, ad ottimi prezzi e in ottimo stato.

La Giravolta. Zona: Tuscolana – Via dei Levii, 33
Biribaula. Zona: Mantagnola – Via Aristide Leonori, 120

L’usato firmato (o comunque parecchio carino)

Di seguito, due negozi di abbigliamento usato di marca per bambini che si caratterizzano per un certo stile delle selezione. Insomma, negozi dell’usato per bambini dove comprare abbigliamento low cost può essere anche chic.

il primo è il Mercatino delle birbe, punto di compravendita di abbigliamento usato per bambini da 0 a 12 anni e di attrezzatura per la prima infanzia. I vestitini sono firmati per la maggior parte. Gli oggetti sono di marca e di ottima qualità. I prezzi sono comunque vantaggiosi.
Zona: Portuense – Via Alessandro Cruto, 36. Info e orari sul sito web del Mercatino delle Birbe.

L’altro è l’Armadio di Oliver, negozio di abbigliamento usato per bambini, anzi di pre-loved children’s clothes, come dicono loro. Ci troverete davvero una bella selezione, soprattutto di marche francesi e nord-europee. Ce ne siamo già occupati, nel  nostro post sui negozi di abbigliamento vintage del Rione Monti.
Zona: Rione Monti – Via degli Zingari, 54. Tutte le altre info sul sito de l’Armadio di Oliver.

Le grandi catene dell’usato per bambini

Qui il second hand per bambini arriva a livelli di super organizzazione. Il mercatino dell’usato diventa franchising network. A Roma di queste catene ce ne sono tre, rappresentate da vari punti vendita.

Cominciamo da Baby Bazar. Se ti interessa vendere, devi portare in negozio i capi di abbigliamento e gli oggetti in buono, se non ottimo, stato. Li lasci in conto vendita e realizz il 50% del prezzo esposto. Se invece vuoi comprare, trovi veramente di tutto (anche on-line). Se poi stai pensando di aprire qualcosa in franchising, loro sono organizzati parecchio.
Zona: Nomentana – Via del Casale di San Basilio 19 E-H; Monterotondo – Via Salaria 204 A
Info su tutto sul sito web di Baby Bazar.

Poi c’è Secondamanina. Sempre network in franchising, sempre diffuso in tutta Italia. Anche in questo caso si tratta di negozi in conto vendita. Chi vende realizza più o meno il 50% del prezzo esposto; chi acquista risparmia più del 50% (per esempio: un tris ovetto / navetta / passeggino lo si trova anche a meno di 150 euro).
Zona: Monteverde – Via Basilio Bricci, 18; Tuscolano – Viale Tito Labieno, 126; Nuovo Salario – Piazza Filattiera, 35; Grottarossa – Via di Grottarossa, 202. Altri punti vendita a Fiumicino e Fiano Romano. Questo il sito web di Secondamanina.

Infine La birba used stuff for kids 0-12. Stesso meccanismo di conto vendita, stessi criteri per selezionare gli abiti, l’attrezzatura, gli accessori e i giocattoli da mettere in vendita. Per chi acquista, interessante il meccanismo di sconti progressivi sugli oggetti che tardano un po’ a essere venduti, e la selezione moto buona. Per chi vende, apprezzabile l’organizzazione e la programmazione delle valutazioni e dei ritiri.
Zona: Roma Nord – Via Cassia, 2088. Tutte le info sito di La birba .

Ricicla riusa - usato per bambini a Roma
Ricicla riusa – usato per bambini a Roma

E infine…l’usato per bambini 2.0

Un po’ sharing economy, un po’ market place, un po’ cultura del riuso. L’Armadio verde è un negozio on-line di abbigliamento per bambini molto contemporaneo. Gli armadi si svuotano e si riempiono secondo un ciclo facile: se hai vestiti da dare via (in buono stato!) li lavi, li stiri, li metti in una scatola. Quando arrivano a destinazione vengono valutati e selezionati, e tu guadagni crediti, i “punti stellina”. Con i punti stellina puoi comprare, sempre on line, aggiungendo 5 euro per ogni capo. I vestiti che tu invii, ma che non sono selezionati per la vendita, vengono donati a onlus accreditate. Non accettano abbigliamento intimo, scarpe, capi rovinati.
Zona: tutta italia. Le altre info le trovi sul sito di Armadio verde

Insomma, invece di comprare il nuovo, anche per i tuoi bambini RIduci – RIusa – RIcicla… e RIsparmia!

Conosci altri negozi, oppure altri mercatini, anche del baratto, on-line oppure off-line? Faccelo sapere!

Pizzerie economiche a Roma? Ecco le migliori 10 + 1

Pizzerie economiche a Roma
Pizzerie economiche a Roma

Allora, chiariamo subito. Le 10 pizzerie economiche a Roma che abbiamo scelto sono delle buone, od ottime pizzerie dove si spende quello che è giusto per una pizza. 10 o 15 euro a testa per pizza birra e supplì (o bruschetta).

Troverete per lo più pizzerie romane di tradizione, dove mangiare quindi la pizza romana bassa bassa. Ma non mancano un paio di indirizzi napoletani. Due soli, perché è sulla pizza napoletana a Roma che si è scatenato il delirio dei prezzi.

La pizza, da che mondo è mondo, è LA cena low-cost a Roma. Per tutti, famiglie e studenti. Solo che da qualche anno in qua, anche la pizza è diventata oggetto di fanatismo gourmet. E per carità, va pure bene. Ma lasciateci anche andare a mangiare una pizza normale in pace, tipo margherita o capricciosa, col supplì normale, la birra normale. Spendendo poco, grazie.

Dunque, dopo la nostra guida definitiva alle osterie popolari di Roma, e quella alle trattorie economiche a Roma, eccoci alle pizzerie economiche.

Ultima cosa, non troverete purtroppo nella lista pizzerie economiche in zona centro. Da Baffetto, per dire, o L’Obitorio, tanto per non fare nomi, non ci sono. In centro, purtroppo, si è perso un po’ lo spirito, diciamo così. Ma se voi invece avete il vostro indirizzo del cuore, segnalatecelo! Non aspettiamo altro che di essere smentiti.

Pizzerie economiche a Roma: info e indirizzi

1 L’Economica
Quando si dice: un nome, un programma. L’Economica è ancora una pizzeria economica. Pizza buona, supplì anche, servizio spartano, ambiente senza pretese.
Via Tiburtina, 44. Aperto tutti i giorni, dalle 19 alle 24. Tel 064456669

2 Il Grano
Sempre a San Lorenzo, ma di più recente istituzione rispetto a L’Economica. Qui fanno la pinsa, e la fanno proprio bene e con fantasia. Locale un po’ piccolino e spesso affollato. Buoni anche i dolci.
Via degli Equi, 39. Da martedì a domenica, dalle 18.30 alle 23.30. Tel 064469014

3 Laboratorio 3
Qui siamo a Pietralata. Pizze ottime, buone le bruschette e focus sugli arrosticini. Servizio rapido e cortese. Sempre piena, ma se si va sul presto non si hanno grossi problemi.
Via di Pietralata, 180. Aperto tutti i giorni, dalle 19 alle 23. Tel 064501288

4 Al Gallo Rosso
Stessa zone della pizzeria precedente, e stesso stile. Qui le bruschette sono il punto di forza. Ambiente super caotico e popolare; servizio velocissimo, turn-over rapido: non pensate di passarci tutta la serata a parlare, ecco. Ma pizza e prezzi sono una sicurezza.
Via di Vigna Mangani, 13. Da martedì a domenica, dalle 19.15 all’1. Tel 3387410147

5 L’archetto
Una pizzeria di Roma Prati, quindi forse l’unica un po’ vicina al al centro, e al Vaticano, senza essere una tourist trap. Anzi, è molto tradizionale, semplice  e buona. Prezzi ottimi in rapporto soprattutto alla zona.
Via Germanico 105. Aperta dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 24. Sabato e domenica dalle 19 alle 24. Tel 063231163

6 Il Buchetto
Ancora una pizzeria economica a Roma e non lontano dal centro. Pizza sottile molto ben condita e possibilità di avere anche la versione “ridotta”, magari per i bambini. Locale minuscolo, tavoli di formica, tovagliette.
Via Flaminia 119. Dalle 109 alle 23, chiuso il martedì. Tel  06320 1707

7 Nuovo Mondo
La pizzeria romana tradizionale come te la aspetti a Testaccio: sottilissima e carica di condimento, antipasti di bruschette-fiori-supplì, birra alla spina o vino della casa, servizio veloce spiccio e simpatico.
Via Amerigo Vespucci 15. Aperto dal martedì alla odomenica dalle 18.30 alle 24. Tel  065746004

8 Cocco
Pizzeria di quartiere, all’Appio Latino, con clientela affezionata. Arredo immutato da anni, pizza molto sottile e croccante ai bordi. Unica pecca le sistemazioni un po’ scomode e la pizza “normale” che può risultare un po’ piccola, in realtà 😉
Circonvallazione Appia 37. Aperta tutti giorni dalle 19 alle 24. Tel 06786819

9 Loffredo
E arriviamo finalmente alla pizza napoletana. Qui siamo a Centocelle, ma c’è chi ci sposta. Perché la pizza è proprio quella napoletana e i prezzi, per una volta, sono più che accettabili! Se non si prenota praticamente è impossibile mangiare.
Via Vestricio Spurinna 51/ 53. Lunedì chiuso; aperto a pranzo dal martedì al sabato; dal martedì alla domenica dalle 19 alle 22.30. Tel 0676967895

10 O sole ‘e Napule
Evidentemente la Prenestina porta bene, perché quest’altra pizzeria napoletana a Roma non è lontana dalla precedente. La pizza è molto buona, e fanno anche quella col cornicione ripieno. Servizio non all’altezza, va detto.
Via Olevano Romano 67. Aperto tutti i giorni dalle 12.30 alle 15 e dalle 19.30 alle 23.30 Tel 062593617

Pizzerie economiche a Roma: bonus track

10 + 1: Ai Marmi
Ci siamo stati da poco e questa pizzeria che non avevamo inserito in lista per snobismo (è da turisti, è una finta-economica, per carità) invece merita ancora di comparire in una lista delle pizzerie buone ed economiche di Roma. Si mangia veloci, praticamente sul marmo (caratteristica che gli ha valso il nome e il soprannome: “obitotorio”) pizze che sanno ancora di quella cosa là: la pizza romana fina.
Viale Trastevere, 53. Aperta tutti i giorni tranne il mercoledì, dalle 18.30 alle 2.20. Tel: 065800919

Il nostro tour delle migliori pizzerie economiche a Roma finisce qui. Adesso tocca a voi, segnalateci le vostre pizzerie preferite e condividete il vostro gusto per il mangiare bene (spendendo poco)!

Cinema gratis a Roma? C’è il Cinema Trevi (cioè la Cineteca Nazionale)

cinema gratis
cinema gratis

Oggi parliamo di cinema gratis.

Aggiornamento 1/4/2019: per lavori di resturo, il Cinema Trevi sarà chiuso probabilmente fino a giugno 2019 (speriamo bene!). Nel frattempo, si dice che la programamzione possa essere trasferita al Reale di Trastevere. Boh.

A Roma, se si vuole vedere un film gratis (in sala, al cinema, il film streaming non vale) si va alla Casa del Cinema. O al Palazzo delle Esposizioni, come abbiamo visto. Oppure al Cinema Trevi, che è come dire alla Cineteca Nazionale.

La Cineteca Nazionale ha il compito di preservare e diffondere il cinema italiano. Per legge, di ogni film prodotto o co-prodotto in Italia una copia deve essere consegnata alla Cineteca Nazionale. È il deposito di legge, un po’ come succede per i libri e la Biblioteca Nazionale. Immaginate l’archivio che ha. Gli ultimi 60 di cinema italiano sono tutti lì.

Il Cinema Trevi, vicino a Fontana di Trevi, è la sala in cui la Cineteca Nazionale svolge la sua programmazione, condividendo con pubblico questo immenso archivio e ospitando festival e rassegne. Da settembre 2015 l’ingresso al cinema Trevi è gratuito. E la sua programmazione quotidiana. Il Cinema Trevi è il posto dove andare al cinema gratis a Roma, ogni giorno o quasi.

Un esempio? Guardate qui.

10-15 aprile: una settimana di cinema gratis alla Cineteca Nazionale

10 aprile – ore 16.30 Jekyll di Giorgio Albertazzi (1969, 251′) Rilettura in chiave moderna de Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di R. L. Stevenson (Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886), scritta e dirett ada Giorgio Albertazzi, ancora oggi attuale nel visualizzare i conflitti etici della scienza e l’insuperabile dualismo fra Bene e Male.

11-13 aprile – rassegna La paura cammina con i tacchi alti, sul thriller italiano degli anni 70, e le sue protagoniste femminili

11 aprile
ore  18.00 Alla ricerca del piacere di Silvio Amadio (1972, 98′)
ore 20.00 Il tuo dolce corpo da uccidere di Alfonso Brescia (1970, 93′)
12 aprile
ore 17.00 Sette orchidee macchiate di rosso di Umberto Lenzi (1972, 93′)
 ore 19.00 Gatti rossi in un labirinto di vetro di Umberto Lenzi (1975, 92′)
ore 20.45 Giochi erotici di una famiglia perbene di Francesco Degli Espinosa(1975, 82′)
13 aprile
ore 17.00 Morte sospetta di una minorenne di Sergio Martino (1975, 101′)
ore 19.00 La morte cammina con i tacchi alti di Luciano Ercoli (1971, 115′)
ore 21.00 Nude per l’assassino di Andrea Bianchi (1975, 98′)
14-15 aprile – rassegna Tempo di Quaresima, che mette a confronto alcune tra le più significative pellicole italiane dedicate alla vita, passione e morte di Gesù Cristo.
14 aprile
ore 16.30 La passione di Giosuè l’ebreo di Scimeca, Pasquale (2005, 100′)
ore 18.30 La passione di Carlo Mazzacurati (2010, 106′)
ore 20.30 Il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini (1964, 138′)
15 aprile
ore 17.00 Io sono con te di Guido Chiesa (2010, 103′)
ore 19.00 I magi randagi di Sergio Citti (1996, 101′)
ore 21.00 L’inchiesta di Damiano Damiani (1986, 107′)

Il cinema Trevi è in vicolo del Puttarello, 25. Per info 066781206; salatrevi@fondazionecsc.it. Il programma del Cinema Trevi si trova qui.

Insomma, il Cinema Trevi è un buon posto da frequentare. Buon cinema gratis per tutti!

739FansMi piace
47FollowerSegui

Ultimi Tips