Domenica al Museo: la lista completa dei musei gratis a Roma

musei gratis a roma oggi

Oggi è Domenica al Museo, il che vuol dire: Musei Gratis a Roma per tutti. Alè. L’iniziativa rientra in quella più grande di promozione del turismo museale ed archeologico che cade sotto il nome allegro ed ottimista di #iovadoalmuseo, e che prevede tutto un programma di aperture ad ingresso libero, spalmate nel corso dell’anno.

A Roma, l’ingresso gratuito riguarda sia i musei statali sia i musei comunali. Per questa ragione, RomaTips ha preparato una bella lista fra cui scegliere. Quindi niente scuse: musei gratis a Roma per tutti, a tappeto, dalla mattina alla sera.

TIP: Occhio non sprecare la giornata  per visitare Musei sempre ad accesso libero: controlla sulla nostra lista dei musei  romani sempre gratis

Musei gratis a Roma: gli statali

Colosseo
Aperto dalle 8.30 alle 19.15. L’ingresso potrebbe essere contingentato per motivi di sicurezza.

Foro Romano/Palatino
Aperto dalle 8.30 alle 19.15. Ultimo ingresso alle 18,15. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il  percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e Cesare, i visitatori proseguiranno  attraverso il  breve camminamento nel Foro di Nerva che permette di accedere al Foro Romano.

Galleria Borghese
Aperta dalle 9 alle 19. Ultimo ingresso h 17. Prenotazione obbligatoria con diritto di prenotazione al costo di 2 euro. Piazzale Scipione Borghese, 5

GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea
Dalle 8.30 alle 19.30, in viale delle Belle Arti, 131

Museo nazionale Etrusco di Villa Giulia
Dalle 8.30 alle 19.30 in Piazzale di Villa Giulia, 9

Museo nazionale Romano (Palazzo MassimoPalazzo AltempsCrypta BalbiTerme di Diocleziano)
Tutte e quattro le sedi del Museo Nazionale Romano aprono dalle 8.30 alle 19.45, tranne le Terme che chiudono alle 19.30

Galleria Nazionale d’Arte Antica Palazzo Barberini
Via delle Quattro fontane, 13. Dalle 8.30 alle 19.

Galleria Nazionale d’Arte Antica Palazzo Corsini
Via della Lungara, 10. Dalle 8.30 alle 19

Galleria Spada
Piazza Capo di Ferro, 13. Dalle 8.30 alle 19.30 (ma la Galleria prospettica di Bernini chiude un’ora prima)

Museo nazionale di Palazzo Venezia
Via del Plebiscito, 118. Dalle 8.30 alle 19.30

Museo nazionale di Castel Sant’Angelo
Lungotevere Castello, 50. Dalle 9 alle 19.30. L’afflusso dei visitatori può essere contingentato all’ingresso per motivi di sicurezza.

Museo nazionale d’Arte Orientale “G. Tucci”
Via Merulana, 248. Dalle 8 alle 19

Museo nazionale Preistorico Etnografico “L. Pigorini”
Piazza Guglielmo Marconi, 14. Dalle 8 alle 19.

Museo nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari
Piazza Guglielmo Marconi, 8. Dalle 8 alle 19.

Museo nazionale dell’Alto Medioevo
Viale Lincoln, 3. Dalle 9 alle 19.

Museo nazionale degli Strumenti Musicali
Piazza Santa Croce in Gerusalemme, 9/a. Dalle 9 alle 19.

Mausoleo di Cecilia Metella
Via Appia Antica, 161. dalle 9 alle 19.

(In generale sono ad accesso gratuito tutti i siti del Parco Regionale dell’Appia Antica)

Monumento a Vittorio Emanuele II (Vittoriano)
piazza Venezia, dalle 9.30 alle 19.30

Santuario etrusco dell’Apollo
via Riserva Campetti s.n.c. a Veio, dalle 8.30 alle 14

Scavi di Ostia Antica
Via dei Romagnoli, 717. Dalle 8.30 alle 18.15

Terme di Caracalla
Viale delle Terme di Caracalla, Dalle 9 alle 19.15

Villa dei Quintili
Via Appia Nuova 1092. Dalle 9 alle 19.30

Villa Adriana a Tivoli
Largo Marguerite Yourcenar, 1. Villa Adriana, Tivoli. Dalle 9 alle 19

Villa d’Este a Tivoli
Piazza Trento, 5, Tivoli. Dalle 8.30 alle 19.30

TIP: Ti è venuta fame? Ci sono sempre le trattorie economiche di Roma  per darti ristoro! 

Musei gratis a Roma: i comunali

Musei Capitolini
Piazza del Campidoglio, 1. Dalle 9.30 alle 19.30

Centrale Montemartini
Via Ostiense, 106. Dalle 9 alle 19

Mercati di Traiano
Via IV Novembre, 94. Dalle 9.30 alle 19.30.

Museo dell’Ara Pacis
Lungotevere in Augusta (angolo via Tomacelli). Dalle 9.30 alle 19.30. Attenzione: l’ingresso gratuito non include le mostre temporanee!

Museo di Roma in Palazzo Braschi
Ingresso da Piazza Navona, 2 e da Piazza San Pantaleo, 10. dalle 10 alle 19. Attenzione: l’ingresso gratuito non include le mostre temporanee!

Museo di Roma in Trastevere
Piazza Sant’Egidio 1/b. dalle 10 alle 20.

Musei di Villa Torlonia (Casino Nobile e Casina delle Civette)
Via Nomentana, 70. Dalle 9 alle 19

Macro e Macro Testaccio
Macro Testaccio: Piazza Orazio Giustiniani 4. dalle 14 alle 20
Macro: Via Nizza, 138. Dalle 10.30 alle 19.30

Museo Civico di Zoologia
Via Ulisse Aldrovandi, 18. dalle 9 alle 19.

Galleria d’Arte Moderna di Roma
Via Francesco Crispi 24. Dalle 10 alle 18.30

Buona visita a tutti!

Eventi a Roma: sabato 26 e domenica 27 ottobre

cosa fare a roma sabato 26 domenica 27 ottobre

Cosa fare a Roma sabato 26 e domenica 27 ottobre gratis? Ecco qui la lista degli eventi preferiti da RomaTips. 5, ché il troppo stroppia. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte età. E chi resta a casa è un pigrone e un noioso.

1 Non solo domenica 27 ma anche sabato 26 all Cartiera Latina sulla via Appia c’è il Think Green Ecofestival. Il che vuol dire biciclettate, laboratori per bambini e per adulti (ma in questo caso di chiamano laboratori di autoproduzione!), spettacoli. E porta la borraccia che la riempi lì. Anche di birra. Che fare lo trovi sul sito del Thinkgreen Ecofestival.

thinkgreen ecofestoval cosa fare a roma sabato 26 domenica 37 ottobre

2 Andare a vedere il roseto comunale per apprezzare la fioritura autunnale delle 1100 varietà di rose prima che chiuda, e poi se ne riparla a primavera.

3 Trastevere sabato è il palcoscenico di un bello spettacolo: si mangia insieme in Piazza Cosimato. Tutti nel senso di 350 persone: romani e trasteverini, turisti e immigrati, bambini e adulti, giovani e vecchi. Due opzioni di menu, una vegetariana e una proprio no. A donazione libera, con prenotazione obbligatoria presso l’associazione Trastevere Attiva. Il pomeriggio per i bambini Olimpiadi del Ricicl

TIP: Voglia di shopping divertente? Si sono i mercati del sabato e i mercatini della domenica

4 Wow, la festa del Tevere. Un’infinità di cose da fare domenica mattina e primo pomeriggio: canoa, ciclo tour, passeggiate a piedi a tema, pizza e mortazza. Nell”immenso programma del #Tevereday vedrai che trovi che fare. A gratis.

5 Se vi piace l’opera, la domenica sera nel foyer del Teatro Valle si introducono e si ascoltano brani tratti da I puritani di Bellini (opera che due secoli fa fu ospitata proprio dal Teatro Valle. Ingresso gratuito ma prenotazione obbligatoria.

I week-end (incredibili) dello shiatsu

shiatsu a roma

Voi lo sapete cos’è lo shiatsu? Allora, alcuni sì e alcuni no, immagino. Per quelli che no, niente sopracciglia alzate e niente associazioni mentali con la lettura dei tarocchi, dei fondi del caffè, della mano. Lo shiatsu è una tecnica di massaggio che appartiene alla tradizione giapponese fin dal VI secolo, tanto per dire.

Un massaggio che si propone di apportare benessere alla persona nella sua totalità (mente e corpo) e che si basa su una tecnica di pressioni e lievi trazioni esercitate con i palmi delle mani, le nocche, i gomiti. Lo shiatsu è raccomandato da chi lo pratica e da chi lo riceve per gli stati ansiosi, il trattamento dell’insonnia e dei mal di testa ricorrenti, i dolori muscolari e articolari, i disturbi mestruali e digestivi e altre amenità che ci affliggono.

Il trattamento è in sé molto “gentile”, per usare un’espressione semplificata, non doloroso, non traumatico. E non c’è neanche la necessità di togliersi i vestiti (vabbè, non andate in tailleur pantalone o in cravatta, mettete quello che mettereste in palestra, giusto per permettere all’operatore di fare il suo mestiere).

Ecco appunto, gli operatori. Dato che lo shiatsu è una tecnica di massaggio che ha un impatto sulla salute e il benessere dell’individuo, deve essere praticato da operatori accreditati e qualificati. Che hanno studiato un bel po’ prima di mettere le mani addosso (si fa per dire) ai riceventi, cioè a coloro che ricevono questa pratica e i suoi benefici.

Tutto questo per annunciarvi che sabato 19, domenica 20 c’è una rinomata accademia di shiatsu che a qui a Roma (zona Montesacro) organizza un open day di avvicinamento alla disciplina. Ora, open day significa non è che andate lì a guardare e fare domande, tipo anziani che guardano il cantiere. Per lo meno non solo. No, andate lì – se volete – a sperimentare cosa vuol dire ricevere lo shiatsu. Il tutto a un costo abbastanza incredibile, cioè 15 euro per 40 minuti di trattamento.

Io andrei. 40 minuti e 15 euro tutti per voi. E quando vi ricapita. Ma prenotate, ché i post sono pochi.

  • sabato 19 dalle 10 alle 12
  • domenica 20 dalle 17 alle 21
  • sabato 26 ottobre dalle 10 alle 12
trattamenti shiatsu roma ottobre 2019

A via Valsavaranche. Dettagli e numeri per prenotare nella locandina qui sopra. Buon trattamento e buon week-end.

Palestre a prezzi popolari? 11 indirizzi a meno 40 euro al mese – 2019-2020

palestre low-cost a Roma
palestre low-cost a Roma

Fare sport serve a vivere un po’ meglio, e ad essere un po’ più felici (oltre che più sani e più belli, come si dice).  Per questa ragione  abbiamo pensato di dedicare un po’ di tempo alla ricerca di palestre low-cost a Roma. Palestre economiche dove lo sport sia alla portata di tutti, adulti e bambini. Senza stressarsi per il denaro speso, annullando così tutti i recenti o potenziali benefici; o senza dover rinunciare, il che è anche peggio (forse).

I prezzi delle palestre di Roma, al netto di offerte temporanee pubblicizzate dai vari Groupon e Groupalia, è generalmente piuttosto elevato. Generalmente, ma non sempre e non ovunque. Ci aiutano, nella nostra strategia anticrisi, le palestre popolari, qualche antica e gloriosa istituzione romana, e le nuove catene di palestre low-cost internazionali di recente sbarcate a Roma. Vediamo quali.

Palestre low-cost a Roma: i grandi classici

1 Cominciamo con l’evergreen dello sport a Roma, il punto di riferimento di generazioni di studenti, ex-studenti, ex-giovani: il CUS Roma – Centro Universitario Sportivo. Un’infinità di discipline ad un costo che va, per l’abbonamento annuale, dai 300 euro riservato agli studenti della Sapienza ai 375 per gli esterni. E se ci si iscrive entro il 31 ottobre costa ancora di meno. Daje. (Ah, la R3Sport, l’omologa per gli studenti di Roma Tre propone qualcosa. Ma nulla di paragonabile)

2 Il secondo posto spetta a un’istituzione trentennale, l’Upter, Università popolare della terza età. Negli anni l’offerta dei corsi si è estesa a tutte le generazioni e a tutti gli ambiti. In ambito sportivo, propone  ai corsi di danza, pilates, ginnastica e un paio di arti marziali. Per semplificare, diciamo ch i prezzi vanno dagli 8 ai 10 euro a lezione.

TIP: E dopo lo sport, ‘na bella pasta? Vai in una vera trattoria romana buona ed economica

Palestre low-cost a Roma: le palestre popolari

Le palestre popolari hanno una grande tradizione a Roma. Alcune all’interno di centri sociali, altre del tutto indipendenti, portano avanti una politica di inclusione e partecipazione. Politica che si concretizza nell’offerta di una vasta gamma di corsi sportivi, di arti marziali, di discipline del benessere. Sempre a prezzi accessibili alla maggior parte delle famiglie del loro territorio. Molta attenzione è data alle attività rivolte ai bambini e agli adolescenti. E l’insegnamento è di buon livello. In ogni caso, tenete presente che i costi si aggirano in media intorno ai 35 euro al mese. A scendere.

3 Socrates – Sport Popolare. Quartiere Alessandrino. Viale della Bella Villa 94 all’interno del Fusolab 2.0.  Le palestra ha 4 sale dislocate su 2 piani (Sala Aerobica 35mq, Sala Corsi 50mq, Sala attrezzi 35mq, Sala Danza 127mq. Il calendario dei corsi e le tariffe del Socrates sono entusiasmanti, per non parlare di tutti gli sconti e le promozioni della palestra popolare Socrates. Anche qui, sbrigatevi prima del  ottobre e la vostra guerra alla bilancia avrà costi ancora più sostenibili.

4 Università Popolare dello Sport. Palestra popolare “diffusa”, che  svolge i suoi corsi praticamente in tutta Roma, il che è la sua particolarità. I corsi sono numerosissimi, alcuni annuali alcuni a moduli trimestrale. Tutti i corsi dell’Università Popolare dello Sport sono a prezzi sostenibili.

5 Revolution Palpop. Cinecittà. Focus sulle arti marziali e il pugilato, e qualcosa di fitness puro, stile gag e total body. Si appoggia a una piscina di Torrespaccata e per i prezzi è molto competitiva nelle attività per bambine  e bambini, danza inclusa. Qui programma e costi della Revolution Palpop.

6 Palestra popolare Colle Salario. Oltre consueto al corredo di corsi di arti marziali, danza e funzionale, questa palestra si segnala per i corsi di arrampicata sportiva, anche per bambini. La Palestra popolare Colle Salario è facilmente raggiungibile col trenino Fara Sabina-Orte (fermata Fidene), quindi può interessare anche a chi non è di zona. I corsi costano 40 euro al mese, ma se ci iscrive a 2 corsi, si pagano solo 60 euro.

7 Palestra popolare Valerio Verbano. Attiva dal 2008 al Tufello, nella sede dei locali caldaia delle case popolari, prepara anche per l’attività agonistica di ginnastica artistica. Corsi per bambini e adulti di arti marziali, boxe e kick-boxing. Si parte dai 30 (corsi per bambini) ai 45 euro (corsi agonistici) al mese. Non c’è sito web, solo pagina Facebook della palestra popolare Valerio Verbano.

8 Quadraro Gym. Tanta prepugilistica, boxe giovanile e boxe agonistica. La palestra nasce intorno a questo sport, ambito in cui eccelle. Ma non mancano danza aerea, total body e altre discipline. Anche in questo caso, non c’è sito web, solo pagina pagina Facebook della Quadraro Gym.

9 Palestra popolare San Lorenzo. Chiudiamo con un mostro sacro. La Palestra popolare di  San Lorenzo offre corsi aperti a tutti, grandi e piccini, di capoeira, arti marziali, yoga e pilates. Gli adulti pagano 40 euro, i bambini 25.

Palestre low-cost a Roma: le nuovissime

Qui siamo in un ambito completamente diverso: palestre moderne, iper-standardizzate, orientate al fitness e ai grandi numeri. Sono una quasi novità in Italia. A Roma senz’altro.

10 Mcfit. Ostiense Catena di palestre low-cost che si definisce la numero 1 in Europa. Chissà. A Roma Mcfit ha aperto vicino a Roma 3 e sulla Casilina. Certo, il costo mensile è praticamente imbattibile: 23.90 euro. Però funziona che si deve sottoscrivere un contratto annuale e ogni mese si paga con addebito automatico sul conto corrente. Il che è un po’ un impegno. Dopodiché, rinnovo automatico di sei mesi in sei mesi.

11 Hellofit. Competitor diretto della precedente, con sedi in tutta Italia. I prezzi di Hellofit funzionano così: c’è un canone base di  19.90  (per la sala fitness) a cui si aggiungono altri costi se vuoi altri pacchetti (p. es. l’accesso ai corsi di gruppo + 11.90 euro a mese). Palestre a Talenti e Fiumicino.

Finito. Grazie per l’attenzione. Se vi va condividete. E, se conoscete qualche palestra che noi non citiamo, segnalatecela nei commenti. Grazie!

Eventi gratis a Roma: il programma dal 7 al 13 ottobre

cosa fare a roma gratis 6 13 ottobre

Cosa fare a Roma – gratis – dal 7 al 13 ottobre 2019? La risposta è nel calendario settimanale che segue. Quindi lascia il portafoglio a casa ed esci, perché questa settimana può capitare di vedere tre film al giorno senza spendere un euro. E anche di sentire Daniele Silvestri. E di farsi un check-up completo. Ma quando ti ricapita?

Cosa fare a Roma gratis…

Lunedì 7 ottobre

  • Cominciare la giornata con una sessione di Qi Gong Taiji Quan. Succede al Macro, alle 10 di mattina per tutta la settimana.
  • Sbrigatevi a prenotare, perché alle 21 Daniele Silvestri all’Officina Pasolini fa una prova aperta e gratuita del suo nuovo tour.
  • Comincia oggi lo Slow Film Fest, rassegna di cinema – fiction e documentari – improntato alla cultura slow: rispetto per ambiente, paesaggio, biodiversità; valorizzazione dei patrimoni delle comunità locali e della diversità. Proiezioni dalle 19 in poi all’Apollo 11.

TIP: Mens sana in corpore sano per tutti? Si può con le  palestre low-budget di Roma selezionate da RomaTips!

Martedì 8 ottobre

  • Qi Gong Taiji Quan alle 10 al Macro.
  • Continua lo Slow film fest, dalle 19 in poi, guardatevi la programmazione sulla pagina facebook del festival
  • Alle 21 al Palazzo della Esposizioni (ingresso libero fino ad esaurimento posti) Mission Lifeline, documentario un anno di vita a bordo della Lifeline, impegnata nel Mediterraneo a salvare migranti.

Mercoledì 9 ottobre

Giovedì 10 ottobre

Venerdì 11 ottobre

  • Qi Gong Taiji Quan alle 10 al Macro.
  • Si apre oggi e dura tutto il week-end InQuiete, festival di letture incontri, libri e persone dedicato al talento delle donne scrittrici.
  • L’editing del genoma che permette la correzione di sequenze del DNA: la scoperta che cambia il nostro rapporto con la natura umana. Se ne parla nel doc Human Nature, al Palazzo delle Esposizioni alle 21. Sempre ingresso libero fino ad esaurimento posti.
  • Voglia di cinema giapponese: alle 17 all’Istituto Giapponese di Cultura c’è un bel fil del 1987, Il diario di Yumechiyo.
  • 20:30 Orecchie, alle Officine Pasolini. Sarebbe un peccato perderlo (cfr Mercoledì per i dettagli)

TIP: Visto che hai risparmiato, una pizza ci sta? Scopri le migliori  pizzerie economiche a Roma!

Sabato 12 ottobre

  • Qi Gong Taiji Quan alle 10 al Macro.
  • Check up e visite gratuiti per tutti dalle 10 alle 18 al Foro Italico per Tennis & Friends, seconda edizione del grande evento volto a promuovere una cultura della salute e della diagnosi precoce.
  • Riapre il Roseto Comunale per la fioritura autunnale! Dalle 8:30 alle 18. Ingresso libero e gratuito (si pagano solo le visite guidate). Aperto dal 12 al 27 ottobre.
  • Dato che è sabato , al Palaexpo si raddoppiano le proiezioni, con due documentari da incollarsi alla poltrona per 3 ore e mezza: prima Sakawa (h19) e poi Leftover women (h 21). Giusto per darvi un’idea: cosa succede in Ghana, la discarica dei pc di tutto il mondo, ai dischi duri e a tutti i dati che ci si trovano dentro? E poi: a trent’anni in Cina una donna è già un “avanzo”, una roba che nessuno ha voluto. Una leftover.
  • 20:30, Officina Pasolini, Soledad (vedi mercoledì)

Domenica 13 ottobre

  • Qi Gong Taiji Quan alle 10 al Macro.
  • Altra giornata di visite e check up gratuiti, al Foro Italico (vedi sopra) 
  • Al Palaexpo ancora doppia proiezione. Alle 18.30 Midnight Traveler, il doc che il regista  afgano Hassan Fazili  gira da solo per documentare il suo viaggio attraverso l’Europa dopo esser stato minacciato dai Taliban. Alle 21 è il momento di XY Chelsea. Dove Chelsea è il nuovo nome di Manning, l’artefice della più grande fuga di segreti militari della storia degli Stati Uniti, che in carcere ha intrapreso un percorso di transizione di genere.
  • A via di Libetta, dentro il Circolo degli Illuminati Mercatino Hippy con espositori , area olistica, spazio bimbi musica e incenso per tutti.

 

Eventi gratis a Roma: dal 1 al 6 ottobre c’è un sacco da fare

Cosa fare a Roma gratis dal 1 l 6 ottobre

Cosa fare a Roma – gratis – dal 1 al 6 ottobre 2019? La risposta è nel calendario settimanale che segue. Quindi lascia il portafoglio a casa ed esci, che ce n’è per tutti i gusti. Cinema gratis a spiovere e da tutte le parti del mondo musica jazz, visite guidate gratuite e perfino yoga mattutino.

Martedì 1 ottobre

  • Alla Biblioteca Nazionale, negli orari di apertura, si può visitare la mostra Svelare Leonardo, sulla valorizzazione degli scritti e dei disegni di Leonardo nel Novecento (questo vale tutta la settimana, fino a venerdì)
  • La mettiamo qui ma vale per tutta la settimana: la bella esposizione #80 #90 a Villa Medici, sull’arte italiana di quel decennio, dalle 10 alle 19
  • Alle 21 nella Basilica di San Marco Evangelista a Piazza Venezia, concerto di musica sacra contemporanea.

Mercoledì 2 ottobre

Giovedì 3 ottobre

Venerdì 4 ottobre

TIP: Visto che hai risparmiato, una pizza ci sta? Scopri le migliori  pizzerie economiche a Roma!

Sabato 5 ottobre

Domenica 6 ottobre

Mercatini oggi a Roma: quelli della domenica – 2019

mercatini domenica a roma
mercatini domenica a roma

Voglia di andare per mercatini domenica a Roma? Sei nel posto giusto. Abbiamo mappato i mercatini dell’usato, del vintage dell’antiquariato o dell’artigianato (il food è residuale)  che sono aperti a Roma la domenica. Negli ultimi due anni, va detto, la vivacità dei mercatini romani si è un po’ persa. Ce ne sono molti di meno. Alcuni tradizionalissimi non ci sono più. Qui trovi i mercatini aperti oggi a Roma nel  momento in cui scriviamo. Se hai qualche notizia o aggiornamento non esitare a scriverci.

Mercatini di Roma aperti solo la domenica

Allora, vediamo dove puoi andare a caccia del pezzo unico o del vintage (come si chiama ora l’usato che non ti vergogni a mettere, anzi, di cui vai fiero)

Garage Sale Rigattieri per hobby

Ma tutti a roma lo conoscono sotto il nome di Mercato di Borghetto Flaminio. Dal 1994 raccoglie tutte le signore della borghesia romana che hanno voglia o necessità di svuotare gli armadi. Il mercatino dell’usato più chic di Roma. Ci trovi robe, come puoi immaginare, super carine. Abbigliamento e accessori la fanno da padrone ma puoi trovare anche molto per la casa.

rigattieri per hobby borghetto flaminio mercatini della domenica a roma
Dalla pagina FB del Mercatino di Borghetto Flaminio

Tutte le domeniche, dalle 10 alle 19 in Piazza della Marina 32. Pagina facebook del mercato di Borghetto Flaminio.

Porta Portese

Vabbè, il grande classico dei mercati della domenica a Roma, aperto dal 1945. Lo conoscerai, è il mercato dell’usato di Roma per eccellenza. Un tempo era anche il mercato dell’antiquariato di Roma, dove si potevano fare buoni affari. Oggi un po’ meno. Ci si trova molta roba nuova, non poche  cinesate, artigianato etnico e non e anche un po’ di bric-à-brac alla disperata.  C’è veramente di tutto.

Tutte le domeniche, dalle 7 alle 14 in Piazza Ippolito Nievo e dintorni.

Ponte Milvio Antiquariato

Oggi, possiamo definirlo il mercatino dell’antiquariato di Roma per eccellenza. Fra i mercatini della domenica a Roma, Ponte Milvio Antiquariato è quello che ha saputo (insieme a Borghetto Flaminio) disegnare e mantenere una fisionomia specifica. E darsi un’organizzazione affidabile che ha permesso a questo mercatino vintage romano di crescere per qualità e quantità di espositori (antiquariato sì ma anche collezionismo, arte e artigianato).

Mercatino dell'Anqtiquariato di Ponte Milvio aperto di domenica
Dalla pagina Fb del Mercato dell’Antiquariato di Ponte Milvio

Tutte le domeniche dal mattino alla sera, in via Ombrone 4. Dato che non deve essere facile oggi a Roma gestre dei mercatini, talvolta sono costrtti a “saltare” o magari a trasferirsi a altrove. Controllarela pagina facebook del mercatino Monte Milvio per aggiornamenti.

Mercatino di Capannelle

Il mercatino di Capannelle è un grande e bel mercato dell’antiquariato, del vintage, del collezionismo a Roma, dove si può trovare veramente di tutto, anche prodotti tipici. Insomma dà un sacco di soddisfazione.

Mercatini di domenica a Roma Mercatino di Capannelle
Dalla pagina FB del Mercatino di Capannelle

Tutte le domeniche in via Appia Nuova 1240, davanti all’Ippodromo, dalle 9 alle 18.

Mostra mercato dell’Antiquariato in Piazza dei Quiriti

Ancora resiste, il mercatino di piazza dei Quiriti, anche solo la quarta domenica del mese. meglio di niente per gli amanti del vintage, della rigatteria, del bric-à-brac e dell’antiquariato.

mercatino di Piazza dei Quiriti domenica a Roma
Dalla pagina FB del Mercatino di Piazza dei Quiriti

Ogni domenica del mese in piazza dei Quiriti, dalle 9 alle 19.30

Mercatini della domenica a Roma aperti anche di sabato

Di due mercatini del vintage e dell’usato aperti sia sabato sia domenica abbiamo già parlato nel nostro post sui mercatini aperti il sabato a Roma. Si tratta del Mercatino di Conca d’oro e del Mercato Monti Urban Market. Gli altri mercatini del week-end romano sono  questi che seguono.

Passato e Presente a san Basilio

Mercato dell’antiquariato di Roma che si tiene al chiuso tutti i fine settimana. Oltre ad essere mercatino dell’usato, dell’arredamento vintage,  della rigatteria il mercatino Passato e Presente a San Basilio ha anche una bella sezione di vestiti usati e di accessori vintage a prezzi buoni. Ah, altra cosa: puoi trovarci anche elettrodomestici di seconda mano.

mercatino passato e presente a san basilio roma
Da pagina FB del Mercatino Passato e Presente

Tutti i sabati e tutte le domeniche in via San Basilio 26 (vicino all’incrocio con la Nomentana), dalle 8 alle 20.

TIP: Ti piace l’abbigliamento vintage? Scopri i  Negozi dell’usato di Monti!

Mercatino DEAR

Non siamo lontani dal mercato di San Basilio. Stesso quadrante, ma più vicino al centro, non lontano da piazza Sempione e dagli stabilimenti DEAR, questo mercatino dell’antiquariato e dell’oggettistica vintage è noto anche con il nome di Mercatino della Nomentana.

mercatino Dear aperto la domenica a Roma
Dal gruppo FB del Mercatino DEAR

Tutti i sabati e tutte le domeniche in via Cortuso, 17, dalle 9 alle 18.

Mercatino dell’EUR

Sta lì da 15 anni e tutti lo conoscono piuttosto con il nome di Mercatino Palombini perché di fronte all’omonimo caffè. Questo mercatino della domenica a Roma è più orientato all’artigianato creativo, all’abbigliamento usato anche grandi marche e vintage piuttosto che all’antiquariato. Non mancano cibo e prodotti tipici. Comunque ci si trova un sacco di roba e l’ambiente è simpatico.

mercatino dell'eur aperto la domenica a roma
Dalla pagina FB del Mercatino dell’EUR

Tutti i sabati e tutte le domeniche in Largo Virgilio Testa dalle 9 alle 18

Be, che ti devo dire, buono shopping!

Mercatini di Roma: i fantastici 4 del sabato

mercatini a roma sabato

I mercatini del sabato a Roma che devi conoscere se hai il gusto della caccia. Se ti esalti a scovare il pezzo giusto e a pagarlo il giusto (o anche meno). Se comprare a Via del Corso ti agghiaccia. Se ti piace lo shopping ma anche farti un giro. Ecco, se sei una o uno così, vai in giro per mercati sabato a Roma, corri.

Ormai non è neppure più un fatto di risparmio (per quanto…). È proprio che andare in giro per mercati delle pulci o vintage, per mercati dell’artigianato a Roma è più divertente. Un po’ perché ci si sente meno polli in batteria che all’uscita della Metro Spagna, un po’ perché scovare il “pezzo” fa correre un brivido lungo la schiena.

Il sabato poi è il giorno ideale. L’offerta di mercatini a Roma è tutto sommato di buona qualità. Diciamo che, come accade in altre città europee, anche a Roma il mercatino vintage ha smesso di essere una “zozzeria” per definirsi come proposta ricreativa oltre che commerciale.

TIP: Molti mercatini a Roma sono aperti tutto il week-end, lo sapevi? Scopri i Mercatini della domanica di Roma!

Qundi, meno prezzi stracciati – che però ancora si trovano, eh – e più gusto e stile. Noi abbiamo selezionato i 5 mercati del sabato a Roma che ci piacciono di più. Per diverse ragioni, come scoprirai se continui a leggere. Ah, quella che segue NON è una classifica.

Mercato Monti: hipster

mercatini di roma sabato mercato monti
mercato monti

Mercato dell’artiganato creativo e indipendente, mercato vintage, mercato coperto per quando fuori piove. Il Mercato Monti è tutto questo ed è anche cool, hipster e fighetto come il quartiere che lo ospita. I prezzi non sono stracciati, nemmeno per sogno. Ma è tipico posto dove comprare qualcosa che “si trova solo qui” al prezzo di una media catena di abbigliamento internazionale. Anche accessori, anche home decor, anche libri.

  • Aperto il sabato e la domenica, dalle 10 alle 20, da settembre a giugno
  • Via Leonina 46, dentro il Grand Hotel Palatino
  • Ci si arriva con la Metro B fermata Cavour o con i bus 117, 75, 70, 64, 60, 40

Mercatino di Conca d’Oro: trasversale

dal sito: www.mercatinoconcadoro.com

Il Mercatino di Conca d’Oro è una meraviglia perché è al tempo stesso mercato alimentare, mercato delle pulci come una volta, mercato vintage, mercatino di antiquariato e mercato di abbigliamento nuovo. Ah, c’è pure una ciclofficina popolare. Forse il più completo dei mercati del sabato a Roma. Ci si trova di tutto, a prezzi fantastici. Menzione d’onore per i banchi alimentari, i cui gestori arrivano tutte le settimane da varie regioni d’Italia. Lì i prezzi sono meno stracciati, ma vista la qualità non c’è da stupirsi.

  • Aperto il sabato e la domenica dalle 9 alle 20
  • Via di Conca d’Oro, 143
  • Ci si arriva con la Metro B fermata Conca d’Oro e con i bus 38, 63, 8, 80_Bis, 83, 84, 86, 88, 93, 311, 336, 338, 339, 343, 344, 349, 351

Mercatino Corte Coppedè: il top di gamma

dal sito: mercatinocortecoppede.it

Probabilmente, a vedersi annoverati fra i mercatini di Roma gli espositori del Mercato Corte Coppedè storcerebbero il naso. Anzi, alzerebbero il sopracciglio. Loro sono i Mercanti da Forte dei Marmi, nome che evoca vacanze borghesi di un’epoca lontana. Vabbè, questo per dirvi che in questo mercato di artigianato di qualità non risparmiate di certo ma trovate roba bella (voilà, il vero linguaggio del mercato!). Cachemire e seta, bigiotteria vintage e artistica, biancheria per la casa, abbigliamento per bambini. Insomma, non un mercato delle pulci a Roma, ma un bel negozio di Forte a Marmi. Tradizionale, sobrio, made in Italy.

  • Aperto il sabato e la domenica dalle 10 alle 19.30
  • In via Tagliamento, 6 nel cortile della chiesa si S. Maria Addolorata
  • Ci si arriva con i bus 38, 66, 89, 92 e con i tram 3 e 19

Mercato di via Sannio: storico

Via Sannio e Porta Portese sono la storia dei mercati delle pulci a Roma. Uno settimanale chiuso la domenica e l’altro aperto invece solo di domenica si sono per decenni divisi il mercato dell’usato quando ancora non si chiamava vintage. Oggi, che Porta POrtese è un po’ appannata e ha virato sul trash, il mercato vicino a San Giovanni conserva invece la sua personalità. Non è solo un mercato delle pulci, poiché ci si trova di tutto, dall’abbigliamento nuovo all’usato più usato. Addentrarsi nel suo ventre conviene, soprattutto se stai cercando jeans, scarpe di campionario o sei un costumista alla ricerca del pezzo giusto.

  • Aperto dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 14
  • Via Sannio
  • Ci si arriva con la Metro A o C fermata San Giovanni e i bus: 51, 81, 87, 360, 650

Ancora voglia di shopping divertente: fatti un giro per negozi vintage a Monti!

Vintage shop a Roma: i magnifici 10 del Rione Monti (e qualche posto per mangiare)

Vintage shop a Roma
Vintage shop a Roma

Una volta si chiamavano negozi dell’usato, e a Roma si andava in via del Governo Vecchio. Obiettivo della caccia, in ambienti stipati di tutto dall’odore caratteristico, erano le giacche di pelle, abiti da sera retrò assurdi, l’abbigliamento militare.  Ora si chiamano vintage shop (o addirittura vintage clothing shop), ci si trova ben di più, sono in gran parte negozi curatissimi. E se dici vintage shop a Roma è soprattutto al Rione Monti che ti viene da pensare.

TIP: Un altro modo per comprare bene?Andar per mercatini il sabato a Roma!

Abbiamo fatto un censimento di questi negozi di abbigliamento vintage di Monti, e abbiamo trovato un universo variegato. Dai negozi di abbigliamento usato vecchio stile alle boutique di solo usato firmato, o  al conto vendita chic&glam. Dal negozio di “usato non usato” di vestiti per bambini al vintage store frequentato dagli adolescenti, di quelli che fanno proprio tendenza.

Ciò detto cominciamo i nostro tour per vintage shop a Roma, anzi a Monti. Ah, e dato che il quartiere è celebre – oltre che per i negozi di abbigliamento vintage – anche per l’abbondanza dell’offerta gastronomica, abbiamo deciso di segnalarvi qua e là qualche indirizzo. Ovviamente, low-budget. FoodTip, li abbiamo chiamati: posti dove mangiare con meno (talvolta con molto meno) di 10 euro.

I vintage shop di Monti: lista in forma di itinerario

Prima cosa: questa è la mappa.

1 Cominciamo da un negozio che si trova ai confini del Rione Monti, su Via Cavour. Humana Vintage, negozio romano di una catena internazionale. Negozio grande, pieno pienissimo di vestiti 70/80/90, per uomo e per donna. Accessori pochi, ma comunque non mancano scarpe, borse e cinture. Gli abiti provengono da raccolte gratuite (5000 contenitori in Italia) e i proventi servono a finanziare progetti di cooperazione in Africa. Assortimento enorme, ma manca un filo conduttore nella scelta dei capi. Ma ci si può trovare anche la chicca insperata. A prezzi incredibilmente bassi.

Via Cavour 102 – Tel 0648906187

Usciti, prendere a sinistra via di Santa Maria Maggiore che poi diventa via Panisperna.

Qui c’è il primo FoodTip: MontiBio, Via Panisperna 225. Shop e cucina di prodotti biologici. Si sceglie e si paga a peso, ma a pranzo propongono un piatto misto a 8 euro.

Da via Panisperna, prendere via del Boschetto.

2 Al numero 4 di via del Boschetto c’è Blue Goose. Un bella selezione di abiti usati firmati, tutti in ottime condizioni. Lo stile è molto signorile, e si vede che dietro c’è un gusto preciso. Scarpe, borse e bigiotteria davvero notevoli. I prezzi, evidentemente, non sono proprio stracciati; per esempio, un abito da sera può costare anche 100 euro. Poco rispetto al valore; troppo in termini assoluti? Giudicate voi.
Via del Boschetto, 4 – Tel 0648906738

3 Proseguite su Via del Boschetto, fino al civico 140. Siete arrivati da Pulp. Décor coloratissimo, 3 o 4 lunghi stand dove trovano posto abiti da donna e da uomo provenienti dagli anni 60 in poi. Posto bello, tutti i capi sono in perfette condizioni, restaurati prima di essere messi in vendita. Giacche, camicie, vestiti, golf: tutto ha uno stile pop molto definito. E poi gli occhiali, splendidi. Indirizzo da costumisti. I prezzi, visti il gusto e le condizioni degli abiti, sono ottimi.
Via del Boschetto, 140 – Tel 06485511

Secondo FoodTip: Boccacciello Bistrot, Via del Boschetto 129. Immaginate il meglio della cucina napoletana dentro un barattolo (boccacciello, in napoletano). Che so, friarielli e salsicce oppure parmigiana di melanzane. Da portare via o, meglio, da mangiare lì con un bicchiere di vino. I boccaccielli vanno dai 3 ai 5 euro. Happy hour a 8 euro.

Non lasciamo via del Boschetto, perché al 123 c’è anche Flamingo. Piccolo, pochi abiti davvero vintage e davvero glam, che inosservati non passano. Borse, scarpe e sandali notevoli (Ferragamo ed Hermès quando lo abbiamo visitato). Prezzi di conseguenza.
Via del Boschetto, 123 – Tel  0648906733.

Continuiamo su via del Boschetto, fino ad incrociare via Leonina e a trovarci davanti:

5 King Size Vintage. Grande, grandissimo pieno di abiti e accessori second hand, musica assordante. Il paradiso se siete molto giovani, molto stilosi, molto magri. E ad essere così dovete essere in tanti, a giudicare dall’andirivieni di gente. Pareti coperte di giacche, pantaloni, camicie, abiti; per terra distese di scarpe (soprattutto anfibi). Tutto dagli anni 40 ai 90. A differenza di altri indirizzi qui c’è molto per uomo; ops: ragazzo. Un gran bell’indirizzo, non c’è che dire.
Via Leonina, 79 – Tel  064817045

Terzo FoodTip: Ce stamo a pensà, Via Leonina 81. Il nome romanesco non si spiega, visto che la cucina è soprattutto napoletana. Frittata di pasta, montanara (pizze fritte), parmigiana di melanzane e altre delizie. Con meno di 5 euro ci si sazia. Oppure si fa l’aperitivo.

Svoltiamo a sinistra, restando sempre su via Leonina.

6 Al civico 24, Le vesti di Messalina. Abbigliamento vintage per uomo e per donna. Forse più uomo che donna, per una volta. Molti capi di marca di seconda mano, generalmente ben conservati. L’assortimento ricorda un po’ quello dei negozi dell’usato vecchio stile: molte giacche di pelle per uomo, molti trench per donna. E molti jeans per tutti. Prezzi ottimi.
Via Leonina 24 – Tel 064881114

Usciti dal negozio, proseguiamo dritti verso la fermata Cavour della metropolitana, e poi giriamo a sinistra su via Urbana.

7 Un po’ più su sulla strada troviamo Moll Flanders, di recente restaurato. Questo è un conto-vendita di usato firmato (il proprietario me l’ha detto in inglese, conto-vendita, ma proprio non me lo ricordo; no, ecco: consignment store). Qui siamo su un altro genere. Pochi capi, tutti di grandi marchi, tutti molto di tendenza e tutti abbastanza cari. La selezione è ottima, e abiti, giacche pantaloni e perfino golf sono ben tenuti, quasi nuovi.
Via Urbana, 132 – Tel 3492177817

Quarto FoodTip: Panificio Monti, Via Urbana 27. A via Urbana c’è di tutto. Cominciamo con  un tipico pane-pizza-dolci. Buoni i supplì; sostanziosi i panini (anche con straccetti alla pizzaiola, per dire).

Quinto FoodTipTrieste Pizza, Via Urbana 112. Pizzette tonde, ben condite, cotte in stampini nel forno elettrico. Tipo la mitica pizzetta di scuola, ma fatta meglio. Prezzi dai 3 ai 3.50 euro. Ottimo per una pausa, ma per cenare ne servono due almeno.

Sesto FoodTip: Zia Rosetta, Via Urbana 54. Non è economica, nel senso che per saziarsi forse 10 euro bisogna spenderli. Ma i panini sono tanti, fantasiosi (in senso buono) e ottimi; fanno un po’ l’effetto ciliegia una via l’altra. E comunque, se si è capaci di controllarsi, si può spendere poco per una o due mini-rosette.

Proseguendo su via Urbana a sinistra si incrocia piazza degli Zingari; la si attraversa, quasi una curva a gomito, e ci si trova su via degli Zingari.

8 E qui incrociamo L’armadio di Oliver, negozio di abbigliamento usato per bambini. Quindi usato molto poco usato, come sanno tutte le mamme. I piccoli capi sono tutti molto graziosi, il décor è grazioso come i capi, e i prezzi sono molto giusti rispetto alla qualità. Tutto è di ottimo gusto. Indirizzo buono anche per fare un regalo, secondo me.
Via degli Zingari, 54 – Tel 0631058686.

Proseguendo su via degli Zingari si arriva in piazza della Madonna dei Monti. A sinistra, via dei Serpenti.

9 Siamo arrivati da Pifebo. Il re dei vintage shop a Roma per uomo e per donna. Abiti vintage e usati, accessori, scarpe e borse. In quantità industriale. Pifebo è oggetto di culto fra gli adolescenti, e riesce a mettere tutti d’accordo. Roma sud e Roma nord 🙂 Moltissimo abbigliamento sportivo anni 80 e 90, giacche di pelle e di renna, capi firmati, parka, chi più ne ha più ne metta. Notevole la collezione di borse e borsette in pelle. Producono anche una linea di occhiali da sole.
Via dei Serpenti, 135 – Tel  06 97658916

Settimo e ultimo FoodTip: Da Milvio, via dei Serpenti 7. Tavola calda, pizzeria, forno. Prima che si chiamasse street food, il cibo “volante” era quello che fanno qui. Supplì (1.30 euro), pizza, panini e piatti caldi. Per pranzo, menu a 5 e a 10 euro.

10 Il fratello del re dei negozi di abbigliamento vintage a Roma è Pifebo Kilo. Stesso stile, stesso rosso dappertutto, selezione un po’ meno accurata ma prezzi più bassi: si paga al chilo. Tutto, anche le scarpe.
Via dei Serpenti, 141 – Tel 0689015204

Siamo arrivati alla fine del nostro itinerario fra i vintage shop del rione Monti: avete comprato qualcosa? O solo mangiato? Fateci sapere e se vi va, condividete!

Musei gratis a Roma: le novità di #Iovadoalmuseo

settimana dei musei 2019 roma

#Iovadoalmuseo. Finalmente un #hashtag che serve a qualcosa. Eh sì, perché dietro al cancelletto si aproo 20 giorni di musei gratis all’anno. 

Il 9 gennaio 2019 il Ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli  ha firmato un decreto che istituisce parecchie novità per chi ama andare per musei. Novità che di fatto migliorano l’offerta di musei gratis rispetto alla gestione precedente. I giorni di apertura gratuita dei musei statali infatti aumentano di numero. Ma cambia il sistema.

Io vado al museo, cioè?

Cioè 20 giornate ad ingresso gratuiti nei musei e nei siti archeologici statali ogni anno. I 20 giorni a biglietto gratuito sono organizzati all’interno di iniziative differenti tutte racchiuse sotto il nome ombrello di Io vado al museo.
Per comunicare l’iniziativa, è stato creato l’hashtag #iovadoalmuseo. Inoltre il Mibac ha inaugurato il sito Io vado al museo, che ha anche l’obiettivo di dare informazioni sulle disponibilità degli ingressi, come vedremo dopo.

Le 20 giornate di musei gratis

#IOvadoalmuseo prevede 20 giornate ad ingresso gratuito in tutti i monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali così distribuite

  • 6 giorni durante la Settimana dei musei 2019 Roma, dal 6 al 10 marzo;
  • tutte le prime domeniche del mese da ottobre a marzo;
  • 8 giorni scelti autonomamente dai singoli musei.

Settimana dei Musei 2019 Roma: come funziona

Il decreto istituisce la Settimana dei Musei: per 6 giorni consecutivi all’anno, dal martedì alla domenica saranno gratis tutti i musei statali italiani. La definizione della settimana varia tutti gli anni: quest’anno saranno gratis i musei a Roma e in tutta Italia dal 6 al 10 marzo.

TIP: Non sprecare l’occasione e non pianificare in questi giorni la visita ai musei sempre ad ingresso gratuito: quelli li puoi visitare quando ti pare. Scopri quali sono i 20 musei di Roma gratis tutto l’anno!

Domeniche al Museo 2019

A Roma, così come in tutta italia saranno gratis tutti i musei e i siti statali la prima domenica dei mesi da ottobre a marzo. Insomma, altre 6 giorni a ingresso libero:

  • 3 marzo
  • 6 ottobre
  • 3 novembre
  • 1 dicembre
  • 5 gennaio 2020
  • 2 febbraio 2020

In questi giorni saranno gratuiti anche i musei comunali (Musei in comune) non solo i musei statali. La lista di tutti i musei aperti ad ingresso libero, stataie comunali, la trovate nel nostro post dedicato ai musei gratis a Roma in occasione delle domeniche al museo.

Le 8 giornate ad ingresso gratuito, museo per museo

L’iniziativa #iovadoalmuseo, oltre alle 6 gratuità della Settimana dei musei 2019 Roma prevede anche 8 giorni “ticket free” durante l’anno solare, che ogni museo ha il diritto di stabilire secondo le necessità del proprio territorio.

Il decreto Bonisoli lascia al museo non solo la libertà di scegliere il giorno, ma anche quella di sostituire l’intera giornata con delle fasce orarie. Eccole qui, museo per museo le giornate di musei gratis a Roma per il 2019:

musei gratis roma iovadoalmuseo

Colosseo (Anfiteatro Flavio, Foro romano, Palatino e Domus aurea) ingresso gratuito il 5 giugno, 29 giugno, 23 settembre, 4 ottobre, 4 e il 22 novembre 18 dicembre, 9 maggio.

Museo Nazionale Romano (Palazzo Massimo, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano, Palazzo Altemps) gratis il 21 marzo, 21 aprile, 9 maggio, 2 e 29 giugno, 4 agosto, 1 settembre, 13 ottobre.

Museo Etrusco di Villa Giulia: ingresso gratuito il 7 aprile, 5 maggio, 2 giugno, 7 luglio, 4 agosto, 15 agosto, 1 settembre, 29 settembre.

Museo delle Civiltà: gratis tutti i venerdì dall’11 marzo al 31 dicembre dopo le 16.30.

Galleria Borghese: gratis 21 aprile, 25 aprile, 1 maggio, oltre al secondo mercoledì del mese nei turni delle 13, delle 15 e delle 17.

Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea: ingresso libero il 21 aprile, 25 aprile, 15 maggio, 2 giugno, 29 giugno, 15 agosto,1 novembre e 8 dicembre.

Parco archeologico dell’Appia Antica: 14 marzo, il 12 maggio,21 giugno, 29 giugno, 14 e il 15 settembre, 14 ottobre, 27 ottobre

Villa Adriana e Villa d’Este: ingresso gratuito 6 maggio, 3 giugno, 1 luglio, 5 agosto, 2 settembre, 7 ottobre, 4 novembre, 2 dicembre.

Musei gratis per i giovani a Roma

E per finire, c’è anche chi non deve aspettare la Settimana dei Musei per entrare gratuitamente nei musei statali romani. E sì,perché se hai meno di 18 entri gratuitamente sempre. Invece chi ha dai 18 ai 25 anni paga solo 2 euro tutto l’anno.

Mica male, eh?

Usato per bambini a Roma: 11 indirizzi low cost per riempire il guardaroba

negozi di usato per bambini a Roma
Negozi di usato per bambini a Roma

Scopri dove comprare abbigliamento, scarpe, giocattoli e tutto quello che serve al tuo bambino. Su RomaTips la lista top dell’usato per bambini a Roma. Infatti, che senso ha spendere una fortuna per comprare vestiti che i bambini metteranno un mese o due? Nessuno.

Avete davanti due strade. La prima: comprate un po’ quello che capita, magari chiudendo un occhio su qualità e materiali. La seconda (detta anche del salvare capra e cavoli): comprate nei negozi dell’usato per bambini. A Roma ce ne sono parecchi.

Comprare abbigliamento di seconda mano per bambini a Roma è facile, conveniente, e pure sensato. Facile, perché ci seno negozi un po’ in tutte le zone. Conveniente, perché si spende la metà ma lo stesso di livello di qualità. Sensato perché i bambini non fanno in tempo neanche a rovinarli i vestiti, quindi meglio vendere-comprare-riciclare che spendere-buttare-inquinare. Che dite?

TIP: Un altro modo per comprare beneAndar per mercatini il sabato a Roma!

Negli indirizzi qui sotto troverete un po’ di tutto. Per la maggior parte, troverai dei veri e propri negozi per l’infanzia: quindi puoi comprare (e vendere) non solo vestiti ma anche giocattoli, passeggini, altri accessori. Il conto vendita la fa da padrone. Quindi, come accennavamo prima, questo post vi può servire anche se avete intenzione di vendere, oltre che comprare.

I N°1: i negozi dove i soldi non servono

La Bottega dei piccoli è un negozio dove i soldi non servono. Anzi, non esistono se non all’inizio, quando ci si associa (servono 15 euro all’anno). Con l’associazione si acquisisce il diritto di portare e di prendere vestiti  accessori, libri, giocattoli, attrezzatura per bambini. Ogni volta che si dona qualcosa, sulla tessera vengono caricati dei crediti. Che si consumano quando si sceglie di portare via qualcosa. Tutto quello che eccede, o per cui non c’è spazio, si dona alle case famiglia. Non si spreca, si ricicla; non si consuma, si usa quello che serve.
Zona: Nuovo Salario – Via Montaione, 44. Info e orari della Bottega dei Piccoli.

Dindolò è una associazione di mamme per promuovere la cultura del riciclo ed evitare sprechi inutili. Anche qui il soldi non servono, quasi: per ogni kg di vestiario portato ricevi 6 crediti per “acquistare” vestiti per la prima infanzia e premaman, attrezzatura e giochi. Ci sono poi vari cestoni ad offerta libera, per capi di vestiario e per i libri. Associarsi costa 5 euro.
Zona: Appio Latino – Via di Vigna Fabbri, 25. Tutte le info sulla pagina Facebook di Dindolò.

Di manina in manina segue le stesse logiche: cultura del riciclo, occhio alla qualità e al buono stato dei capi,  sostituzione del denaro con “punti manina” che si ottengono quando i capi lasciati in conto vendita trovano un nuovo “padroncino” e che si possono spendere in negozio. Punto di forza? La varietà merceologica: ci si trova di tutto.
Zona: Infernetto – Via Giambattista Bassani, 29. Tutte le info su Di manina in manina.

I mercatini dell’usato (e della compravendita) per bambini

Due negozi per l’infanzia dove comprare e vendere vestiti per bambini, libri, giocattoli, attrezzatura e accessori. Il meccanismo del conto vendita è il solito, possono variare un po’ le regole di valutazione e le percentuali di retribuzione dei venditori. Ma in tutti i casi davvero in questi negozi dell’usato per bambini si trova di tutto, ad ottimi prezzi e in ottimo stato.

La Giravolta. Zona: Tuscolana – Via dei Levii, 33
Biribaula. Zona: Mantagnola – Via Aristide Leonori, 120

L’usato firmato (o comunque parecchio carino)

Di seguito, due negozi di abbigliamento usato di marca per bambini che si caratterizzano per un certo stile delle selezione. Insomma, negozi dell’usato per bambini dove comprare abbigliamento low cost può essere anche chic.

il primo è il Mercatino delle birbe, punto di compravendita di abbigliamento usato per bambini da 0 a 12 anni e di attrezzatura per la prima infanzia. I vestitini sono firmati per la maggior parte. Gli oggetti sono di marca e di ottima qualità. I prezzi sono comunque vantaggiosi.
Zona: Portuense – Via Alessandro Cruto, 36. Info e orari sul sito web del Mercatino delle Birbe.

L’altro è l’Armadio di Oliver, negozio di abbigliamento usato per bambini, anzi di pre-loved children’s clothes, come dicono loro. Ci troverete davvero una bella selezione, soprattutto di marche francesi e nord-europee. Ce ne siamo già occupati, nel  nostro post sui negozi di abbigliamento vintage del Rione Monti.
Zona: Rione Monti – Via degli Zingari, 54. Tutte le altre info sul sito de l’Armadio di Oliver.

Le grandi catene dell’usato per bambini

Qui il second hand per bambini arriva a livelli di super organizzazione. Il mercatino dell’usato diventa franchising network. A Roma di queste catene ce ne sono tre, rappresentate da vari punti vendita.

Cominciamo da Baby Bazar. Se ti interessa vendere, devi portare in negozio i capi di abbigliamento e gli oggetti in buono, se non ottimo, stato. Li lasci in conto vendita e realizz il 50% del prezzo esposto. Se invece vuoi comprare, trovi veramente di tutto (anche on-line). Se poi stai pensando di aprire qualcosa in franchising, loro sono organizzati parecchio.
Zona: Nomentana – Via del Casale di San Basilio 19 E-H; Monterotondo – Via Salaria 204 A
Info su tutto sul sito web di Baby Bazar.

Poi c’è Secondamanina. Sempre network in franchising, sempre diffuso in tutta Italia. Anche in questo caso si tratta di negozi in conto vendita. Chi vende realizza più o meno il 50% del prezzo esposto; chi acquista risparmia più del 50% (per esempio: un tris ovetto / navetta / passeggino lo si trova anche a meno di 150 euro).
Zona: Monteverde – Via Basilio Bricci, 18; Tuscolano – Viale Tito Labieno, 126; Nuovo Salario – Piazza Filattiera, 35; Grottarossa – Via di Grottarossa, 202. Altri punti vendita a Fiumicino e Fiano Romano. Questo il sito web di Secondamanina.

Infine La birba used stuff for kids 0-12. Stesso meccanismo di conto vendita, stessi criteri per selezionare gli abiti, l’attrezzatura, gli accessori e i giocattoli da mettere in vendita. Per chi acquista, interessante il meccanismo di sconti progressivi sugli oggetti che tardano un po’ a essere venduti, e la selezione moto buona. Per chi vende, apprezzabile l’organizzazione e la programmazione delle valutazioni e dei ritiri.
Zona: Roma Nord – Via Cassia, 2088. Tutte le info sito di La birba .

Ricicla riusa - usato per bambini a Roma
Ricicla riusa – usato per bambini a Roma

E infine…l’usato per bambini 2.0

Un po’ sharing economy, un po’ market place, un po’ cultura del riuso. L’Armadio verde è un negozio on-line di abbigliamento per bambini molto contemporaneo. Gli armadi si svuotano e si riempiono secondo un ciclo facile: se hai vestiti da dare via (in buono stato!) li lavi, li stiri, li metti in una scatola. Quando arrivano a destinazione vengono valutati e selezionati, e tu guadagni crediti, i “punti stellina”. Con i punti stellina puoi comprare, sempre on line, aggiungendo 5 euro per ogni capo. I vestiti che tu invii, ma che non sono selezionati per la vendita, vengono donati a onlus accreditate. Non accettano abbigliamento intimo, scarpe, capi rovinati.
Zona: tutta italia. Le altre info le trovi sul sito di Armadio verde

Insomma, invece di comprare il nuovo, anche per i tuoi bambini RIduci – RIusa – RIcicla… e RIsparmia!

Conosci altri negozi, oppure altri mercatini, anche del baratto, on-line oppure off-line? Faccelo sapere!

760FansMi piace
47FollowerSegui

Ultimi Tips